Francesco Gabbani si racconta nell'Album Story su TIMMUSIC

Francesco Gabbani si racconta nell'Album Story su TIMMUSIC

Francesco Gabbani è stato senza alcun dubbio tra le maggiori rivelazioni musicali italiane del 2017. Partendo dalla vittoria al festival di Sanremo con “Occidentali’s karma” a febbraio, passando a rappresentare l’Italia nell’Eurovision Song Contest a Kiev (Ucraina) a maggio, continuando poi in estate con il singolo/tormentone “Tra le granite e le granate”. Inutile sottolineare che il suo terzo album “Magellano”, pubblicato lo scorso mese di aprile, è stato un grande successo. Così come grande successo ha avuto il suo lungo tour. Non più tardi di qualche settimana fa è stato pubblicato il doppio album “Magellano (special edition)”, ovvero una integrazione con brani dal vivo di “Magellano”. Questo e altro è ciò di cui ha discorso il cantautore toscano per l’AlbumStory di TIMMUSIC. Più sotto potete leggere le pillole del Gabbani pensiero sulla sua musica, ma non solo.

"Penso che la dimensione live sia quella più appagante, rappresenta anche una sorta di termometro per misurare la vera febbre del pubblico, nel senso che poi, al di là dei successi radiofonici che uno può raggiungere, in realtà  la prova vera è capire che tipo di affluenza c’è nel live. Era un’incognita anche per me ed è stata una grande soddisfazione. Il totale di tutte le tappe di quest’estate è stato di circa 140mila persone e quindi mi posso reputare altamente soddisfatto."

""La mia versione dei ricordi” è un brano sicuramente più intimista che parla fondamentalmente di sentimento e che fa vedere un’altra mia componente. I precedenti singoli estratti da “Magellano” avevano come cifra stilistica il sarcasmo, la provocazione, questo invece è un brano più intimista e mi sembrava giusto farlo ascoltare."

"Stavo cercavo ispirazione per la realizzazione del video di “La mia versione dei ricordi” e sono incappato in “Last Christmas”; mi sono accorto che la sceneggiatura di quel video era perfetta perchè parla proprio del fatto che ci sia il ricordo dell’anno precedente nella solita location, nel solito luogo, solo la persona è però diversa. Abbiamo quindi deciso di un remake, una vera e propria citazione del videoclip di George Michael."

"Il video di “Pachidermi e pappagalli” rappresenta un po’ la voglia di andare alla ricerca di quelle che sono le verità, rappresenta un po’ il viaggio in solitaria. Il brano parla del fatto che con internet se ne sentono di tutti i colori e non si capisce più cosa è vero."

""Tra le granite e le granate” è la parodia del fatto che spesso andiamo in vacanza con l’idea di cercare a tutti i costi un divertimento che poi è forzato e nella maggior parte dei casi non corrisponde alla realtà che viviamo."

"5 platino e 170 milioni di visualizzazioni oramai sono diventato un semplice osservatore di “Occidentali’s Karma” è come se avesse preso vita, una sua vita indipendente ed io sono là che la osservo. Non me l’aspettavo assolutamente, devo dire che quello che è successo a questo brano va oltre qualsiasi rosea aspettativa, una cosa che è andata veramente oltre. Ci tengo a sottolineare che questo è un brano molto orecchiabile con una componente anche divertente, ma in realtà è un brano che io considero serio."

"“Amen” ha rappresentato l’inizio di una svolta, dico inizio perchè poi non mi sarei immaginato che l’anno successivo avrei replicato in modo esponenziale con “Occidentali’s Karma” il successo di “Amen” è arrivato in un momento in cui in realtà ero molto disilluso rispetto alla mia potenziale ed ipotetica carriera; volevo fare solo l’autore di canzoni, invece poi mi sono buttato a fare Sanremo e probabilmente “Amen” rappresenta anche un nuovo entusiasmo che mi è tornato."

"“Greitist Iz” è un album logicamente difficile da definire, è un album di percorso, non stavo ancora vivendo il fatto che la mia musica fosse fruita da un pubblico vasto, quindi dentro c’è tutta la sofferenza di chi sta provando a trovare una strada vera e propria. “Clandestino” (singolo contenuto in questo album, ndr) è un brano che parla della mia domanda: ma effettivamente il destino esiste o non esiste? Siamo in balia di una sorta di via o traccia già definita o siamo noi gli artefici del nostro destino?"

"“Eternamente ora” suggerisce di vivere il sentimento in un modo un po’ orientale, ovvero, nel presente; ciò significa godersi il momento senza avere addosso i pregiudizi del passato o le paure che comporta il pensare al futuro. E’ molto difficile per noi occidentali vivere in questo modo. Delle culture altrui siamo sempre un po’ turisti."

"Jannacci mi stimola molto, ha fatto delle cose fantastiche; lo sento vicino per la sua capacità di riuscire a coniugare aspetti divertenti ed ironici a riflessioni sociali profondissime. “Vengo anch’io” sembra quasi stupida, ma in realtà è una forte analisi della nostra società . E’ una canzone che faccio molti anni dal vivo, mi sono sempre divertito a farla."

"Ho scritto tutta la colonna sonora del film ‘Poveri ma ricchi’ ed è stata per me un’esperienza nuova, alla quale mi sono approcciato - giusto per dirla all’orientale - con l’entusiasmo del principiante; è stata una bellissima esperienza, molto diversa dallo scrivere canzoni. “Foglie al gelo” l’ho scritta non proprio per il film, ma contestualmente; la coincidenza ha voluto che stesse bene nel film perchè alla fine dei conti si ritorna sempre alle origini, cioè al fatto che la ricchezza vera - è una banalità dirlo, ma è vero - è fatta dai valori, dall’amicizia, dagli affetti, da tutti questi sentimenti molto importanti."

"Ho un rimpianto che sembra quasi banale ma è vero, quello di non essermi laureato. Mia madre se l’è un po’ legata al dito. Le ho detto che con Sanremo giovani mi sono laureato e con Sanremo big è come se avessi preso la specializzazione."

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.