Suonare live e organizzare un evento musicale dal vivo: un vademecum - SIAE Faq, episodio 34

Suonare live e organizzare un evento musicale dal vivo: un vademecum - SIAE Faq, episodio 34

Se durante le festività i grandi raduni dal vivo conoscono fisiologicamente un sensibile rallentamento - anche alle star, dopotutto, piace passare il Natale in famiglia - la seconda metà di dicembre rappresenta un vero e proprio periodo di punta per gli eventi musicali live minori: il tempo libero accordato dalla chiusura di fabbriche e uffici lascia ai gestori di locali il giusto margine di manovra per organizzare serate con autori, cantanti, band o Dj, e i programmi di eventi locali si popolano rapidamente di concerti e serate all'insegna dell'aggregazione e del divertimento.

Protagonisti e/o artefici di questa piacevole ondata di appuntamenti potreste essere anche voi, sia che abbiate in gestione uno spazio per organizzare una festa - magari il classico veglione di Capodanno - sia che suoniate da soli o con un gruppo. Per facilitarvi il lavoro, e lasciarvi il più liberi possibili di concentrarvi sull'evento o sulla performance che avete in programma, abbiamo pensato - per la puntata pre-festiva delle Siae Faq - di riassumere in un'unica pagina tutto ciò che c'è da sapere, e da fare, affinché il vostro progetto venga realizzato nel pieno rispetto delle regole e delle tutele previste dalla legge.

 

Iniziamo ad occuparci di chi salirà sul palco: quali compiti è chiamato ad assolvere l'esecutore dello spettacolo, nel momento in cui accetta un ingaggio?

Innanzitutto, all'artista è chiesto di compilare il programma musicale della serata, conosciuto anche come borderò. Un tempo il documento lo si compilava, in versione cartacea, la sera stessa del concerto: oggi, con MioBorderò, la pratica può essere comodamente evasa online senza alcun costo aggiuntivo - e con un notevolissimo risparmio di tempo ed energia. Tutti i dettagli li trovate a questo indirizzo.

 

Passiamo invece al lato organizzativo dell'evento musicale: una volta trovata la location, risolte le questioni tecniche inerenti palco e impianto audio, e studiato un buon piano promozionale, cosa serve alla vostra serata perché sia organizzata a regola d'arte?

Fondamentale è chiedere una licenza: le canzoni, infatti, sono protette dalla legge sul diritto d’autore, e i compensi richiesti per l'utilizzo delle stesse costituiscono la retribuzione di chi ha lavorato alla creazione di un’opera e danno valore all’intera industria creativa e culturale. Per ottenere la licenza è possibile rivolgersi alle 461 agenzie mandatarie, 10 sedi regionali/interregionali e 28 filiali SIAE in tutta Italia, oppure chiedere informazioni, licenze e procedere ai pagamenti anche online, come già hanno fatto oltre mezzo milione di utilizzatori del repertorio SIAE, che include più di 45 milioni di opere nazionali e internazionali. Per saperne di più, visitate questa pagina.

 

Poniamo il caso che, con il vostro gruppo, vogliate auto-organizzare una festa per amici e conoscenti. Vi chiederete: è possibile farlo nel pieno rispetto delle regole? Certo: se avete in programma - per esempio come cover band - di eseguire un repertorio tutelato da SIAE è necessario richiedere un permesso per feste private e compilare e riconsegnare il programma musicale della serata. È possibile fare tutto in modo semplice e veloce online iscrivendosi ai servizi digitali di SIAE e richiedendo un permesso per feste private. Ulteriori dettagli sul tema sono disponibili sul sito ufficiale di SIAE a questo indirizzo: https://www.siae.it/it/servizi-online-term/permessi-feste-private

 

Leggi tutte le SIAE Faq qui.

Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.