Lotta al secondary ticketing: quattro arresti e perquisizioni in Gran Bretagna

Lotta al secondary ticketing: quattro arresti e perquisizioni in Gran Bretagna

Le autorità britanniche, in collaborazione con la National Trading Standards - autorità che vigila sul corretto andamento dei mercati nazionali, ha tratto in arresto quattro persone nell'ambito di un'indagine per contrastare il secondary ticketing: l'operazione, condotta lo scorso 12 dicembre, ha portato al sequestro di diversi smartphone e hard disc, catalogati dalle autorità come prove. L'identità dei fermati non è stata resa nota.

Secondo quanto reso noto dal National Trading Standards, gli arresti e le perquisizioni dello scorso martedì farebbero parte di una più vasta operazione volta a combattere il "bulk buying", ovvero l'acquisto di massa di tagliandi - anche tramite automazioni informatiche meglio conosciute come bot - sul mercato primario da reimmettere su quello secondario a prezzi maggiorati.

La linea delle autorità inglesi nei confronti delle speculazioni sulle vendite dei biglietti per gli eventi musicale e sportivi è divenuta negli ultimi anni particolarmente intransigente, sopratutto da quando - in seguito a un'indagine della durata di due anni - tre dei maggiori operatori secondari operanti sul mercato inglese (la controllata di eBay StubHub, quella di Ticketmaster Seatwave e Viagogo, fondata in UK ma attualmente con sede centrale in Svizzera) sono stati trovati colpevoli di infrazioni al legge sui diritti dei consumatori approvata dal parlamento britannico nel 2015.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.