David Bowie: ritrovata una jam session del 1977 con Brian Eno e i Devo

David Bowie: ritrovata una jam session del 1977 con Brian Eno e i Devo

Mark Mothersbaugh, frontman dei Devo, ha rivelato di aver ritrovato dei nastri contenenti registrazioni di una jam session in cui suonano alcuni dei Devo, David Bowie, Brian Eno e Holger Czukay dei Can.
La jam session avvenne nel periodo in cui i Devo stavano registrando il loro album di debutto, la cui storia merita di essere raccontata dal principio.
I Devo Mark e Bob Mothersbaugh, Gerry e Bob Casale e Alan Myers - erano una semisconosciuta band sperimentale di Akron, Ohio, che si era fatta notare nel 1976 con un paio di bizzarri singoli: "Mongoloid"/"Jocko Homo" e una rilettura di "Satisfaction", che potete ascoltare qui sotto.

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link

Intorno ai Devo si creò un'aura di piccolo culto che indusse poi l'etichetta indipendente britannica Stiff a pubblicare un loro EP, "Be stiff".
Nel frattempo i Devo avevano fatto avere dei demo a David Bowie e Iggy Pop, che si dichiararono interessati a produrre un loro album (interesse espresso anche da Brian Eno e Robert Fripp). In occasione del primo concerto dei Devo al Max's Kansas City di New York, David Bowie proclamò: "Questo è il gruppo del futuro, quest'inverno produrrò il loro album a Tokio".
In effetti poi la produzione fu affidata a Brian Eno, che iniziò il lavoro a Colonia, in Germania, nello studio di Conny Plank. In quel periodo Bowie era occupato con le riprese del film "Just a gigolo", ma nei weekend dava una mano a Eno nella produzione. Le registrazioni, però, furono frustranti: i Devo erano riluttanti a lasciar condurre i giochi da un produttore, e la lavorazione era ulteriormente complicata dal fatto che i componenti della band dovevano viaggiare fra gli Stati Uniti e la Germania.
Ed è durante questo periodo che, in una particolare occasione, Gerry Casale, il bassista, perse un volo per la Germania "perché stava litigando con la fidanzata da un telefono a gettoni dell'aeroporto"; in assenza di un componente della band, i musicisti in studio occuparono il tempo con una jam, alla quale presero parte i fratelli Motersbaugh, Bob Casale, Alan Myers, David Bowie, Brian Eno, Holger Czukay dei Can e un paio di musicisti tedeschi di passaggio.
Mark Mothersbaugh ha raccontato di aver ritrovato in archivio i master a 24 piste dell'album di debutto dei Devo, "Q: Are We Not Men? A: We Are Devo!", e di aver letto sulla scatola che dentro ci sono sia la già descritta jam session, sia delle canzoni del disco con la traccia vocale cantata da David Bowie e interventi di synth di Brian Eno; e ha ricordato che poi quei contributi non vennero utilizzati nel mixaggio finale dell'album (curato da Bowie, ad eccezione di due tracce, "Space junk" e "Shrivel up", mixate da Eno). Ha aggiunto di essere curioso di risentire quelle registrazioni, e non ha escluso di poterle pubblicare.

(fz)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.