NEWS   |   Metal / 08/12/2017

Quel che resta del nu-metal anni '90. Wes Borland (Limp Bizkit): 'Ormai siamo diventati revival'

Quel che resta del nu-metal anni '90. Wes Borland (Limp Bizkit): 'Ormai siamo diventati revival'

Sono passati vent'anni, eppure sembra una vita. Non solo al pubblico, ma anche a loro, indiscussi protagonisti della gloriosa ondata nu-metal anni Novanta che, mischiando rock a rap, si propose come grande novità in grado di eccitare la discografia mondiale.

A due decenni esatti dalla pubblicazione del loro album di debutto, "Three Dollar Bill, Y'all$", i Limp Bizkit non hanno alcuna intenzione di scrivere e registrare nuova musica. E spiegare il perché è stato Wes Borland, chitarrista della band di "Nookie" e contraltare critico del frontman del gruppo Fred Durst: "A nessuno, per la verità, interessa un nostro nuovo disco. Andrà a finire che ne faremo uno, ma solo perché dobbiamo sollevare l'interesse dei promoter per la band con una scusa, in modo da continuare a suonare dal vivo. Se dico che nessuno è interessanto a un nostro nuovo disco è perché con gli anni ci siamo trasformati in un gruppo per nostalgici, per persone che vogliono sentire solo gli undici singoli che abbiamo pubblicato e finita lì".

"Quando suoniamo canzoni come 'My Generation', 'My Way', 'Break Stuff', 'Nookie', 'Rearranged' o 'Take A Look Around' vedo la reazione entusiasta del pubblico", ha proseguito Borland nel corso di un'intervista rilasciata a Joshua Toomey: "Quando suoniamo le altre, vedo che la gente di annoia, a parte le cinquanta persone appoggiate alle transenne sotto il palco. Ecco perché dico che a nessuno interessa più un nostro nuovo disco".

Borland ha avuto poi parole molto dure nei confronti di Aaron Lewis, già frontman degli Staind ai quali i Bizkit furono molto legati a inizio carriera. "L'ho incontrato in aeroporto, a Jacksonville, in Florida, una volta che ero tornato a trovare i miei. E' venuto da me chiedendomi: 'Dove vai?'. 'A casa', gli ho risposto. 'Come a casa?', mi dice. 'Sono stato qui a trovare i miei, adesso sto tornando a Los Angeles'. Per la cronaca, a L.A. vivo da un mucchio di tempo ed è la città dove ho vissuto di più per tutta la mia vita. Allora lui scuote il capo e mi fa: 'No, amico. Ricordati da dove vieni: la Florida è casa tua, non L.A.. Questa è casa'. Allora io: 'Vaffanculo, amico'. E da allora non ci siamo più parlati".

"Quel ragazzo è una tale testa di cazzo", ha concluso Borland: "Così pieno di sé. Gli auguro il peggio. E' una persona disgustosa. Non mi piace buttare merda sulla gente, ma con lui non mi faccio problemi. E' terribile".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi