Bob Geldof: 'Band Aid? Oggi non la farei più'

Bob Geldof: 'Band Aid? Oggi non la farei più'

Intervistato dal Corriere della Sera a margine della sua partecipazione al Forum internazionale del Barilla Center for food & nutrition, il già leader dei Boomtown Rats - che con iniziative come Band Aid e Live Aid tra il 1984 e il 1985 definì le dinamiche utilizzate ancora oggi per fare beneficenza attraverso l'attività musicale - ha dichiarato che, a trentatré anni dalla prima edizione dell'iniziativa, una nuova esperienza analoga a Band Aid non la farebbe più.

"No, non vorrei fare una nuova Band Aid", ha spiegato Bob Geldof riferendosi al supergruppo che spedì in vetta alla classifiche il singolo (ovviamente benefico) "Do They Know It's Christmas?": "Il mondo è cambiato ormai. Se dovessi fare qualcosa penserei a una attività di crowdsourcing online e non attraverso un disco". "Il grande problema che viviamo oggi è proprio questo: non ci sono [leader]", ha aggiunto l'artista: "E qui aggiungerei un’ultima riflessione, sul ruolo della società civile e degli attivisti. In una società come quella contemporanea, costantemente connessa, i governi non possono più operare in un contesto esclusivo, che ignora la voce diretta dell’elettorato. In questo quadro, per un buon governo diventa sempre più importante proprio quel ruolo: quello della società civile e degli attivisti, delle loro azioni e delle loro reazioni".

Eppure solo tre anni fa, nel 2014, Geldof riavviò in chiave celebrativa per il trentennale proprio il progetto Band Aid - ribattezzato per l'occasione Band Aid 30 - coinvolgendo nelle operazioni sia elementi della formazione originale (come il frontman degli U2 Bono) che nuove leve mai entrate a fare parte della formazione benefica come Ed Sheeran e Clean Bandit.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.