Jimmy Iovine spegne l’ottimismo del music business sullo streaming: ‘Non stanno facendo soldi’

Jimmy Iovine spegne l’ottimismo del music business sullo streaming: ‘Non stanno facendo soldi’

Il dirigente Apple Jimmy Iovine ha espresso il suo punto di vista su alcune questioni calde legate all’industria discografica durante una cena al NeueHouse Hollywood di Los Angeles, in occasione della diffusione in digitale e Blu Ray del documentario in quattro episodi “The Defiant One” su Iovine e Dr. Dre.. Il già presidente della Interscope ha smorzato gli sguardi più ottimistici nei confronti dei servizi di streaming musicale, dicendo che “sono in una brutta situazione, non stanno facendo soldi”. Iovine ha fatto notare come molte aziende che offrono servizi di questo genere basano, in realtà, il grosso dei loro introiti su altre attività: “Amazon vende Prime; Apple vende telefoni e iPad; Spotify dovrà trovare un modo per indirizzare il suo pubblico a comprare qualcos’altro”. Spotify sarebbe l’unica “standalone”, secondo uno degli scopritori di talenti più grande d’America, e dal suo punto di vista non potrà attendere ancora molto prima di mobilitarsi per fare “vero business”.

Iovine ha anche evidenziato le inevitabili difficoltà legate alle royalties in cui vanno incontro le etichette discografiche in questo scenario, dominato sempre più dalla tecnologia:

La posizione della tecnologia nella vita, per me, è come una medicina. È come la scienza: vedi un problema, sistemalo. Non pensare agli effetti che ha su altro. La bomba atomica: “Oh, divideremo un atomo”. Non dicevano, ad esempio, “Le persone di Hiroshima moriranno”, sai?. L’industria discografica non sa dove andrà la tecnologia. Nel passato, li ha aiutati.

Il produttore e imprenditore non guarda dunque fiducioso al futuro del business musicale legato allo streaming, facendo notare come la gratuità dei servizi stia minando il sistema, facendo un paragone con lo streaming di film e serie tv:

Netflix ha contenuti originali e li fa pagare [in abbonamento premium] 11.99 dollari. Per quanto riguarda la musica, tutti hanno tutto.

Insomma, prima o poi l’industria musicale dovrà affrontare la questione e “non so se lo stanno facendo”, conclude, non prima di aver specificato che questo “non è il mio lavoro”.

 

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.