Jaden Smith, il figlio di Will, pubblica il suo primo album ufficiale e guarda al mercato orientale - VIDEO

Jaden Smith, il figlio di Will, pubblica il suo primo album ufficiale e guarda al mercato orientale - VIDEO

Fino ad oggi si era fatto conoscere soprattutto come attore, recitando in film come "Alla ricerca della felicità" di Gabriele Muccino (insieme a suo papà - correva l'anno 2006), "Ultimatum alla Terra" (2008), "The karate kid - La leggenda continua" (2010) e "After Earth" (2013). Aveva anche provato ad avviare una carriera discografica, ma alla musica non ci si era dedicato più di tanto: ora, invece, a 19 anni, Jaden Smith ha deciso di fare sul serio.
Il figlio di Will Smith ha pubblicato il suo primo album ufficiale. Il disco si intitola "Syre" ed è uscito lo scorso 17 novembre per MSFTSMusic/Roc Nation, anticipato da una manciata di singoli: a "Fallen", pubblicato nel dicembre dello scorso anno, negli ultimi mesi hanno fatto seguito "Batman", "Watch me", "Falcon" e "Icon".

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link

È sbagliato parlare di debutto nel mondo della musica, perché - come già abbiamo ricordato più sopra - già in passato Jaden Smith aveva provato ad indossare i panni di cantante.

Nel 2010 aveva inciso una canzone insieme a Justin Bieber, "Never say never", che aveva scalato le classifiche degli Stati Uniti e conquistato discreti successi anche in Europa.

Caricamento video in corso Link
E due anni dopo aveva pubblicato il suo primo mixtape, "The cool cafe", disco di diciotto brani hip hop tra i cui ospiti c'era anche sua sorella Willow (in "Find you somewhere"), al quale nel 2014 aveva fatto seguito un altro mixtape intitolato "Cool tape vol. 2".

Jaden Smith ha cominciato a lavorare al suo disco ufficiale proprio nel 2014 e le lavorazioni sono andate avanti per tre lunghissimi anni.
Nel frattempo, Jaden ha recitato nella serie di Netflix "The get down" (interpretando il personaggio di Marcus "Dizzee" Kipling, un graffitaro - ha anche partecipato alla colonna sonora, con una manciata di pezzi tra cui la sigla, "Welcome to the get down") e in un'altra serie di Netflix (di genere anime) intitolata "Neo Yokio" (gli episodi sono stati pubblicati lo scorso settembre - il creatore è Ezra Koening, membro dei Vampire Weekend).

Caricamento video in corso Link
"Syre" contiene 17 pezzi che spaziano dall'hip hop all'elettronica, passando per la musica r&b. A proposito del titolo, Smith ha detto in un'intervista al magazine newyorkese Complex:

"Non sapevo come intitolare il disco, ma un giorno mi è venuto in mente questo titolo. Non so come sia successo. È stato come un interruttore: c'è stato un cambiamento nella mia vita. È tempo per un nuovo risveglio e per una nuova coscienza. Per tutti quelli che pensano di conoscermi questo disco rappresenterà qualcosa di completamente diverso rispetto all'idea che hanno di me".

A Billboard, invece, ha fatto sapere di essere incuriosito dal fenomeno del K-Pop, l'ondata di popstar giapponesi che da qualche tempo a questa parte si è abbattuta nelle classifiche musicali degli States (e non solo), e di voler conquistare il mercato orientale:

"Voglio ospitare alcuni dei miei artisti preferiti nelle mie canzoni per dare inizio alla mia carriera K-Pop".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.