Alan Parsons, il tecnico del suono che conquistò le classifiche (1 / 11)

Alan Parsons, il tecnico del suono che conquistò le classifiche

A favore di quanto non dovessero conoscere Alan Parsons proponiamo una biografia, per sommi capi. Nasce a Londra il 20 dicembre 1948, nella seconda metà degli anni sessanta – all’età di 19 anni – inizia a lavorare come tecnico del suono negli arcinoti Abbey Road Studios della capitale inglese. Ha la ventura (e la bravura) di partecipare ai lavori su album che hanno segnato la storia del rock quali “Abbey road” e “Let it be” dei Beatles, “The dark side of the moon” e “Atom heart mother” dei Pink Floyd. Ha inoltre prodotto, nel 1976, “Year of the cat” di Al Stewart. Queste sono le medaglie più prestigiose che ha appuntate sul petto in qualità di tecnico del suono e produttore. Ma la carriera di successo di Alan Parsons non finisce qui. Nel 1975 assieme a Eric Woolfson fonda l’Alan Parsons Project che, ad oggi, ha pubblicato undici album di studio. Oggi Alan compie 69 anni, qui ricordiamo i maggiori successi del suo ‘progetto’.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.