Google prepara misure restrittive per i siti di secondary ticketing

Google prepara misure restrittive per i siti di secondary ticketing

Google è pronto a imporre nuove e più severe restrizioni alle società che rivendono in rete biglietti di concerti: la mossa che mira ad arginare il fenomeno del secondary ticketing e impedire ai fan di pagare prezzi incredibilmente alti per acquistare biglietti su siti come Viagogo e StubHub. A queste società di rivendita di biglietti sarà vietato rivendicare di essere una fonte "ufficiale" di biglietti nei risultati di Google.

Dal marzo 2018, Google chiederà anche alle piattaforme di rivendita di dichiarare in maniera esplcita sulle loro pagine se i loro prezzi dei biglietti sono superiori al valore nominale, di modo che gli acquirenti siano consapevoli della possibilità di acquistare altrove a prezzi inferiori.

I siti di rivendita dovranno anche essere certificati da Google prima che possano utilizzare il suo servizio AdWords, che consente alle aziende di pagare per apparire in cima alla classifica.

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.