Svezia: sospeso dal servizio dirigente di Warner Music accusato di molestie sessuali

Svezia: sospeso dal servizio dirigente di Warner Music accusato di molestie sessuali

A poche ore dalla lettera aperta firmata da oltre duemila donne occupate nell'industria discografica svedese - tra le quali cantanti come Zara Larsson, Robyn e Tove Lo e band come Icona Pop e First Aid Kit - per condannare ogni forma di molestia sessuale perpetrata nell'ambiete di lavoro, il paese scandinavo è scosso da quello che può essere considerato il primo "caso Weinstein" musicale europeo: come riferito dal tabloid AftonBladet - e successivamente confermato da Music Business Worldwide - un alto dirigente della filiale locale della Warner Music è stato sospeso dal servizio dopo essere stato accusato di molestie sessuali sia da colleghe, sia da artiste messe sotto contratto dalla major. Il manager, la cui identità non è stata resa nota, avrebbe anche promosso "condotte di lavoro non salutari" come, ad esempio, l'abuso di alcol, citato nella lettera pubblicata da Dagens Nyheter come uno dei corollari tipici - insieme a massacranti turni di straordinari - di aggressioni a sfondo sessuale.

L'accusato sarebbe in procinto di essere trasferito presso l'ufficio centrale europeo di Warner Music, a Londra, a partire dal prossimo mese di gennaio, in attesa che la sua posizione venga definita: "Abbiamo un preciso codice comportamentale interno riguardo alle molestie di qualsiasi tipo, e prendiamo queste accuse molto seriamente", ha spiegato a AftonBladet un portavoce di Warner Sweden, "Abbiamo sospeso il nostro dirigente e avviato un'indagine indipendente: contestualmente abbiamo convocato una riunione interna per fare sapere ai chi vavora per noi quali sono i canali disponibili per fare denunce di questo tipo".

La Svezia è la prima nazione europea dove membri dell'industria discografica hanno pubblicamente denunciato episodi di molestie sessuali: la lettera aperta pubblicata da Dagens Nyheter è stata redatta e sottoscritta dopo le denunce - fatte su un gruppo Facebook chiuso ma presto diventate pubbliche - di Isabel Rodriguez, responsabile dell'ufficio di pubbliche relazioni di Sony Music Sweden, e Anna Sjölund, neodirigente di Live Nation Sweden. Negli Stati Uniti, invece, sta facendo scalpore il coinvolgimento in due supposti casi di violenza sessuale di Russell Simmons, co-fondatore della Def Jam Records e figura di primissimo piano del panorama rap americano e non solo.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.