Nick Cave in Israele, Roger Waters e Brian Eno controbattono: ‘Non riguarda la musica, ma i diritti umani’

Nick Cave in Israele, Roger Waters e Brian Eno controbattono: ‘Non riguarda la musica, ma i diritti umani’

Tutto è iniziato alcuni giorni fa, quando l’ex Pink Floyd Roger Waters e altri esponenti del mondo musicale avevano rivolto a Nick Cave l’appello di non suonare in Israele, una delle tappe del tour del Re Inkiostro per il suo ultimo “Skeleton Tree”, adducendo quale motivazione le controverse politiche adottate dallo Stato Ebraico nei confronti della questione palestinese. La risposta del musicista australiano è arrivata ieri, nel corso di una conferenza stampa a Tel Aviv, con un netto rifiuto della richiesta di dietrofront, poco prima di esibirsi per il primo dei due concerti nella città.

Con un comunicato, Roger Waters, Brian Eno e altre voci del BDS (Boycott, Divestment and Sanctions Movement), come i registi Ken Loach e Aki Kaurismaki, hanno replicato all’autore di “The Weeping Song”. Queste le parole di Waters:

Nick pensa che si tratti di censurare la sua musica? Cosa? Nick, con tutto il dovuto rispetto, la tua musica è irrilevante per la questione, così come lo è la mia, quella di Brian Eno e quella di Beethoven, non riguarda la musica, riguarda i diritti umani.

Questo è, invece, ciò che ha scritto Brian Eno:

Non ha niente a che vedere con lo zittire gli artisti – un’accusa che trovo piuttosto irritante quando usata in un contesto dove milioni di persone sono costantemente e orribilmente zittite.

È possibile leggere qui il testo integrale delle repliche.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.