Nick Cave prima di suonare in Israele: 'Qui per ribellarmi a chi cerca di censurare gli artisti'

Nick Cave prima di suonare in Israele: 'Qui per ribellarmi a chi cerca di censurare gli artisti'

Tra la sera di oggi, domenica 19 novembre, e quella di domani, Nick Cave terrà due concerti alla Menorah Mivtachim Arena di Tel Aviv, in Israele: la scelta del cantautore australiano di esibirsi nel paese mediorientale era stata contestata da artisti come Roger Waters e Thurston Moore, che - contestando la politica adottata dal governo presieduto da Benjamin Netanyahu nei confronti della questione palestinese - aveva invitato il leader dei Bad Seeds a cancellare i due appuntamenti con il pubblico israeliano.

Qualche ora prima di salire sul palco per il primo dei due concerti, Cave ha tenuto una conferenza stampa dove ha spiegato le ragioni della sua decisione: "Non vengo in Israele da vent'anni: sento un forte legame con questo paese, che non riesco a esprimere a parole". L'artista ha giustificato la sua prolungata assenza con l'insuccesso, sul mercato locale, del suo album del 1997 "The Boatman’s Call", ma non solo: "Andare in tour è logorante, e - come se non bastasse - alla fine dei anche fare fronte alla pubblica umiliazione da parte di artisti come Roger Waters e compagnia".

"A nessuno piace venire umiliato pubblicamente. Credo, e me ne assumo la colpa, di non essere venuto in Israele per vent'anni per questa ragione", ha proseguito Cave, spiegando come a fargli cambiare prospettiva, al proposito, sia stato il tentativo - da parte di Brian Eno - di coinvolgerlo nella campagna "Artisti per la Palestina": "C'era qualcosa che mi puzzava, in quell'iniziativa. Così ho deciso di non aderirvi, senza però suonare in Israele. E questa mia scelta credo sia stata molto codarda".

"Ci ho pensato molto. Poi ho chiamato il mio staff e gli ho detto: 'Andremo in tour in Europa e in Israele'. Perché, improvvisamente, ai miei occhi è diventato molto importante prendere posizione contro chi cerca di censurare, di usare prepotenza e ridurre al silenzio gli artisti. Alle fine, le ragioni per le quali sono qui sono due: la prima è che amo Israele e la sua gente, la seconda è voler prendere una chiara posizione contro chi vuole censurare e ridurre al silenzio i musicisti. Per certi versi si può dire che sì, sia stato il BDS [il movimento Boycott, Divestment and Sanctions, ndr] a farmi suonare in Israele".

A stretto giro la Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel ha diffuso in comunicato in risposta alle dichiarazioni di Cave: "Tradendo i suoi valori progressisti, Nick Cave suonerà in Israele (...) E' una decisione politica e morale restare al fianco dell'oppressore invece che dell'oppresso". Di seguito, il comunicato completo:

Dall'archivio di Rockol - "Red Right Hand" (da "Distant sky - Live in Copenaghen")
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.