Corrosion of Conformity: esce "No cross no crown", ma prima il singolo "Cast the first stone" - ASCOLTA

Corrosion of Conformity: esce "No cross no crown", ma prima il singolo "Cast the first stone" - ASCOLTA

Il 18 gennaio esce “No cross no crown”, il nuovo album dei Corrosion of Conformity, anticipato dal singolo “Cast the first stone”. Il nuovo album della band del North Carolina vede il rientro nel gruppo in sala di registrazione, dopo una dozzina di anni, del chitarrista e cantante Pepper Keenan che si riunisce così a Woody Weatherman, Mike Dean e Reed Mullin.

Dice Pepper Keenan sul suo ritorno nella band nel 2014: "Reed mi ha chiamato parlandomi di suonare un paio di concerti. Gli ho detto: 'Andiamo in Europa e vediamo che succede’. Quindi ci siamo andati e abbiamo finito per tornarci quattro volte in un anno. Siamo stati in tour per un anno intero e poi abbiamo iniziato a comporre, dieci o undici mesi.”

I Corrosion of Conformity hanno registrato il disco con il produttore John Custerin per circa quaranta giorni durante un anno. Dice ancora Keenan: “Ci siamo presi il nostro tempo e non abbiamo sentito alcuna pressione su di noi. Arrivavo da New Orleans e lavoravamo quattro o cinque giorni alla volta. E’ stato divertente perché abbiamo fatto come un demo, ma in uno studio. Noi stavamo scrivendo e registrandolo allo stesso tempo. Abbiamo preso le parti che pensavamo fossero grandiose fin dai vecchi tempi e non abbiamo avuto paura di guardarci indietro”.

Sempre Keenan: "Abbiamo iniziato a fare così su “Deliverance". Io sono dell’idea che se stai cercando di realizzare un disco fluido, sia necessario lasciarsi un po’ andare. Quando hai bisogno di un attimo di respiro, inserisci un interludio. Mi piace scrivere dei pezzi suadenti per lasciare poi spazio a materiale più pesante".

E ricorda: "Abbiamo suonato in questa chiesa del 1500, oggi divenuta un centro culturale. Il camerino aveva una finestra di vetro colorato rappresentante un poveraccio perseguitato e con sotto scritto “No cross no crown”, quindi ho fatto mia quell’idea. Non siamo saliti su un pulpito, ma abbiamo utilizzato l’idea come catalizzatore intorno cui scrivere delle canzoni. “No cross no crown”ha molte meno implicazioni politiche o religiose del previsto. Credo che ognuno abbia bisogno di allontanarsi da quella mentalità. Là fuori c’è un gran casino. Dobbiamo tornare ad essere umani e a prenderci cura gli uni degli altri e delle cose semplici. Per noi il concetto 'No cross no crown' è un tema e ne parliamo in tre brani”.

Tracklist

01. Novus Deus

02. The Luddite

03. Cast The First Stone

04. No Cross

05. Wolf Named Crow

06. Little Man

07. Matre's Diem

08. Forgive Me

09. Nothing Left To Say

10. Sacred Isolation

11. Old Disaster

12. E.L.M.

13. No Cross No Crown

14. A Quest To Believe (A Call To The Void)

15. Son And Daughter

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.