Morto Paul Buckmaster: collaborò con David Bowie, Rolling Stones e Elton John

Morto Paul Buckmaster: collaborò con David Bowie, Rolling Stones e Elton John

È morto all'età di 71 anni Paul Buckmaster, compositore e arrangiatore britannico che nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con - tra gli altri - David Bowie, Rolling Stones e Elton John.

Buckmaster mosse i suoi primi passi nel mondo della musica come violoncellista, ma ben presto cominciò a lavorare come arrangiatore: nel 1969 scrisse, insieme a quello che diventerà poi il Duca Bianco, l'arrangiamento di "Space Oddity".



La collaborazione con Elton John diede i suoi frutti in album come "Tumbleweed connection" e "Madman across the water", pubblicati rispettivamente nel 1970 e nel 1971: Buckmaster curò gli arrangiamenti orchestrali dei pezzi di entrambi i dischi. L'artista ha dedicato al compositore queste parole:

Addio Paul Buckmaster. Ho il cuore spezzato. Lui mi ha aiutato a diventare l’artista che sono oggi. Un arrangiatore rivoluzionario che ha preso le mie canzoni e le ha sollevate in volo. Insostituibile.

Per i Rolling Stones, invece, Buckmaster arrangiò e diresse l'orchestra in "Moonlight mile" e "Sway", due pezzi dell'album "Sticky fingers".

In Italia, Paul Buckmaster ha collaborato con artisti quali Angelo Branduardi, Riccardo Cocciante e Teresa De Sio.

Per Branduardi, si è occupato della produzione e dell’arrangiamento del primo album, “Angelo Branduardi”, del 1974. A proposito del disco, il cantautore aveva detto: “In realtà l’avvenimento più importante di questo disco è la collaborazione con Paul Buckmaster: quando fu respinto il primo disco [dalla RCA, nella sua prima versione, ndr], senza nemmeno conoscerlo, scrissi a Paul e lui, con mia grande sorpresa, venne in Italia”. Il brano “Eppure chiedilo agli uccelli”, il terzo del lato A del disco, è stato interamente composto da lui. Così Branduardi lo ha ricordato nel suo post su Facebook:

La collaborazione con Cocciante si è, invece, concretizzata nell’arrangiamento e nella produzione dell'album del 1985 “Il mare dei papaveri”, il dodicesimo del cantautore.

Con Teresa De Sio, infine, Buckmaster è coinvolto nel disco “Toledo e regina” (1986), che mette insieme i classici della tradizione napoletana con gli arrangiamenti del compositore, che ha scritto gli archi e diretto l’orchestra.

Nel 2002 Paul Buckmaster vinse anche un Grammy Award per l'arrangiamento di "Drops of Jupiter" dei Train.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.