Europa, i big dello streaming si alleano per parlare con le istituzioni: nasce Digital Music Europe

Europa, i big dello streaming si alleano per parlare con le istituzioni: nasce Digital Music Europe

Tre dei player più importanti sul mercato europeo della musica digitale - Spotify, Deezer e SoundCloud - hanno unito le forze per dare vita a Digital Music Europe, sorta di ibrido tra associazione di categoria e gruppo di pressione che permetterà alle entità operanti nel settore di aver maggiore visibilità agli occhi delle istituzioni: alla nascita di DME - che per il momento ha nell'ad di Deezer Hans-Holger Albrecht il proprio presidente e nella direttrice degli affari europei di Spotify Olivia Regnier la propria guida del cda - hanno preso parte anche la piattaforma di streaming Qobuz, la società di intermediazione 7digital e la startup specializzata in indagini di mercato Soundcharts.

Scopo di Digital Music Europe, secondo quanto rivelato nelle ultime ore in sede di presentazione, è "mostrare e promuovere i successi dell'industria musicale digitale in Europa, fornendo una risorsa per elaborare policy che favoriscano lo sviluppo del settore": con ogni probabilità, specificano gli osservatori internazionali, l'attenzione di DME si porrà innanzitutto su questioni inerenti il copyright e affini (come, ad esempio, il geoblocking), senza dimenticare importanti argomenti come l'accesso alle piattaforme online, il trattamento dei dati personali, il trasferimento dei dati e la tassazione dei servizi nell'area EU.

"Bruxelles è al lavoro per far diventare quello europeo un mercato unico", ha spiegato la Regnier a Musically: "Ci sono diverse istanze pronto all'accoglimento: quella relativa al geoblocking, per esempio, è in dirittura d'arrivo, e per noi è importante che alla musica non vengano imposte limitazioni territoriali".

Tuttavia, l'accesso ai servizi streaming potrebbe presto diventare la prima causa, in ordine di priorità, di DME: già lo scorso maggio Deezer e Spotify - nelle figure di Hans-Holger Albrecht e Daniel Ek - unirono le forze per scrivere una lettera al presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker per segnalare le potenziali politiche anticompetitive delle "grandi piattaforme digitali" operanti tramite "sistemi operativi, app store, marketplace, motori di ricerca e social media". Nomi, Albrecht e Ek, ovviamente non ne fecero, anche se ai più non sfuggì il riferimento a colossi come Apple, Google, Amazon o Facebook, tutti già operativi - o prossimi a diventarlo - nel campo della musica digitale.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.