Mick Fleetwood svela perché Peter Green chiamò in quel modo i Fleetwood Mac

Mick Fleetwood svela perché Peter Green chiamò in quel modo i Fleetwood Mac

Parlando con la rivista Classic Rock il batterista dei Fleetwood Mac Mick Fleetwood ha rivelato di avere scoperto solo da poco la storia che sta dietro la sua riuscita audizione per entrare a far parte dei Fleetwood Mac. Lo ha scoperto intervistando l'amico e fondatore della band inglese Peter Green per il suo libro “Love That Burns: A Chronicle Of Fleetwood Mac, 1967-1974”.

Racconta Fleetwood riguardo quell'episodio:

“Pensavo che mi avrebbe risposto, ‘Pensavo che fossi un bravo batterista’. Invece lui mi ha detto, ‘Avevi appena rotto con Jenny (Boyd, che poi diventò la prima moglie di Fleetwood), eri devastato e ho pensato che avevi bisogno di fare qualcosa. E’ per questo che ti ho chiesto di unirti alla band, perchè volevo vederti di nuovo in piedi’. Ma quanto è incredibile? Non era importante che fossi o meno un buon batterista, mi voleva bene e non voleva che soffrissi ancora di più.”

Fleetwood ha inoltre aggiunto che la generosità di Green si è rivelata anche quando giunse il momento di scegliere il nome della band:

“Fu per pura amicizia. Peter mi ha dato fiducia. Io suono con il cuore. La metà delle volte non so cosa sto facendo. Lui però mi disse: ‘Mick, vai bene, pensa a suonare’. Peter era un compagno di squadra perfetto. In un’intervista qualcuno gli ha chiesto perchè chiamò la band Fleetwood Mac? Lui rispose: ‘Beh, in verità, pensavo che prima o poi me ne sarei andato e volevo che a John (McVie, il bassista della band) e Mick rimanesse qualcosa dopo che me ne fossi andato’.”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.