FanFair Alliance, i risultati del sondaggio sul rapporto tra consumatori e secondary ticketing: 'La gente è stufa'

FanFair Alliance, i risultati del sondaggio sul rapporto tra consumatori e secondary ticketing: 'La gente è stufa'

FanFair Alliance, associazione antibagarinaggio coordinata dai manager di artisti come - tra gli altri - Mumford & Sons, Lumineers, PJ Harvey, Nick Cave e Arctic Monkeys, ha pubblicato i risultati di un sondaggio sull'atteggiamento dei consumatori riguardo al secondary ticketing.

Il sondaggio, condotto lo scorso giugno, ha coinvolto 1.158 intervistati, un campione rappresentativo della popolazione adulta britannica, ha portato a queste conclusioni: l'80% del pubblico britannico pensa che il secondary ticketing sia un imbroglio; il 67% delle persone che hanno comprato biglietti venduti a prezzi maggiorati rispetto al loro valore originale hanno detto che andranno a vedere meno concerti in futuro; e il 52% di queste ha fatto sapere di ave trovato difficile distinguere tra i venditori autorizzati e i canali ufficiali e quelli non autorizzati del secondary ticketing.

Adam Webb di FanFair ha osservato:

"Il messaggio che ricaviamo da questo sondaggio sembra piuttosto chiaro: il pubblico britannico è stufo. Il modello di secondary ticketing promosso da Viagogo, StubHub, Get Me In! e Seatwave sta causando molta preoccupazione - sebbene le persone non siano contrarie al concetto di rivendita di biglietti. Ma i più preferirebbero l'opzione di rivendere un biglietto allo stesso prezzo con cui l'avevano pagato e sono favorevoli alle misure proposte per limitare l'ampia diffusione del bagarinaggio online".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.