Ghemon si racconta con una AlbumStory su TIMMUSIC

Ghemon si racconta con una AlbumStory su TIMMUSIC

"Mezzanotte" è il nuovo album di Ghemon, la cui ultima prova sulla lunga distanza, "Orchidee", venne immessa sui mercato nel 2014: il disco è stato registrato e prodotto tra le Officine Meccaniche di Mauro Pagani, a Milano, e il Red Bull Studio Mobile da Tommaso Colliva.  Il  rapper avellinese lo ha raccontato con un'intervista-AlbumStory su TIMMUSIC: "Mezzanotte è un album che considero un diario di bordo di un periodo della mia vita. Questo è il disco di una persona, di un uomo che stava tirando le somme di quello che stava succedendo durante una fine e l’arrivo di un nuovo inizio. Sono canzoni che servivano innanzitutto a me per processare quello che stava succedendo e anche un po’ per darmi la scintilla per ricominciare".


"Ho scelto Un Temporale come singolo perché secondo me spiegava bene il mood del disco sia musicalmente che tematicamente. “Sono sotto la pioggia senza nessuna difesa, ma la pioggia dovrà finire quindi prendiamocela come viene”, questo è un po’ Un Temporale in soldoni", racconta il rapper, passando alle singole canzoni: "Su 'Impossibile' non volevo avere mezzi termini, in inglese si dice “hard in the paint”, cioè affondare il pennello nel secchio di vernice in maniera dura. Volevo una cosa che a livello sonoro fosse un po’ uno schiaffo per l’ascoltatore, “entriamo subito in questo mondo e non in modo morbido”. Non ho mai considerato la parola “impossibile” in maniera negativa, anzi dobbiamo cercare di rendere possibile l’impossibile; l’ho sempre concepita così nella mia vita! Quindi, il pezzo dice in realtà “sto pronto per l’impossibile”.  

"Ho sempre considerato il cammino della musica come un cammino in avanti. Quassù è il pezzo positivo dell’album e la sua posizione al centro del disco serve proprio per sdrammatizzare. Quassù rappresenta per me un posto pieno di luce, irradiato dal sole. Avevo questa immagine quando ho scritto il pezzo, cioè “ho superato i momenti duri e difficili e finalmente ora sono quassù, dove ho il sole in faccia.  "Mezzanotte", la canzone, parla della fine di una storia, una fine un po’ turbolenta. Poi ho capito che quel titolo poteva avere molto significati; sono partito dal modo di dire campano “Non può venire più scuro della mezzanotte” che significa non può andare peggio di così. Nello stesso tempo, se lo guardi da un altro lato, significa che deve venire fuori per forza qualcosa di positivo; rappresentava quindi per me una speranza positiva. Questo poi è un disco dove le influenze della musica black sono tante e quindi per me è un disco “nero”. Mi sembrava quindi adatto che Mezzanotte fosse anche il titolo del mio album perché c’entrava tanto con me, con le mie due anime, con luce, buio. 

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/iqUoydWxMHSImQArO7sq3L9t92o=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/mg-7333.JPG

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.