Le lusinghe degli artisti ai big dello streaming per volare in classifica: il caso di Pink

Le lusinghe degli artisti ai big dello streaming per volare in classifica: il caso di Pink

C'erano una volta le ospitate radiofoniche, croce e delizia di discografici e programmatori di palinsesti attraverso le quali gruppi e cantanti cercavano di accattivarsi le simpatie dei vertici delle emittenti e vedere così di conseguenza i propri brani inseriti nella fatidica heavy rotation, considerata fino a pochi anni fa il migliore viatico al raggiungimento dei piani alti della classifica.

I tempi, però, sono cambiati, e l'esplosione dello streaming - ora conteggiato, non senza perplessità, per la compilazione delle chart di vendita - ha costretto l'industria del disco a cambiare tattiche. Un valido caso di studio, al proposito, potrebbe essere quello di "Beautiful Trauma" di Pink: la più recente prova in studio della cantante di Doylestown, Pennsylvania, ha centrato il primo posto nelle classifiche americane, inglesi, australiane, neozelandesi, e in quelle di mezza Europa. Negli USA il disco è salito in vetta alla Top 200 Album Chart nella prima settimana sul mercato, grazie a 408,000 unità mosse delle quali 24mila commutate da passaggi sulle principali piattaforme digitali.

Uno sprint, quello offerto dallo streaming alla star americana, affatto casuale: l'etichetta di Pink si è infatti adoperata perché i colossi della distribuzione digitale spingessero il più possibile il nuovo prodotto. A spiegarlo, a Billboard, è John Fleckenstein, vice ad della RCA: "Abbiamo passato un sacco di tempo a visitare gli uffici di Spotify in tutto il mondo: siamo stati a Berlino, a Londra, a New York e a Los Angeles, e la stessa cosa l'abbiamo fatta con Apple Music. Lei [Pink] ha letteralmente trovato il tempo di incontrare gli impiegati, di conoscerli, e di presentare il suo progetto".

Assolte le incombenze diplomatiche, la tattica di conquista delle piattaforme streaming è passata inevitabilmente attraverso la produzione di contenuti esclusivi, che - va da sé - rafforzano la visibilità del fornitore rispetto alla concorrenza che si limita alla concessione del catalogo: Pink, per esempio, ha prodotto per Apple Music un documentario di 34 minuti sulla realizzazione del suo ultimo album con interviste inedite realizzate ad hoc, che - reso disponibile prima della data di pubblicazione - ha assolto al meglio la sua funzione di teaser (o di spot, a seconda delle prospettive) presso i clienti del servizio offerto dalla casa di Cupertino.

L'attenzione al mondo dello streaming non è rivolta solo ai risultati tangibili in termini di vendite, ma anche a consolidare la presenza di un artista nel contesto di un mercato sempre più competitivo com'è quello del digitale, dove a fare la parte del leone sono gli asti nascenti del rap favoriti dalla parte di pubblico anagraficamente più giovane. Segmento, questo, piuttosto scivoloso per voci come Pink, la cui fan base è nata col CD: "Il più delle volte, dietro a un disco di successo c'è un grande lavoro di pianificazione", spiega Fleckenstein, "Le cose non succedono, ma vanno fatte succedere secondo i propri piani". La corsa per ingraziarsi in big dello streaming è cominciata.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.