Mara Maionchi, X Factor e una telefonata piena di zeta

Mara Maionchi, X Factor e una telefonata piena di zeta

A Mara Maionchi voglio così bene, e da così tanto tempo, che le perdonerei qualsiasi cosa, anche una telefonata come quella che mi ha fatto oggi - dopo saranno sei mesi che non ci sentivamo - nella quale esordisce con un perentorio "Zanetti, sei una merda!". E' stata una telefonata piena di zeta, da una parte e dall'altra, ma di zeta affettuose (almeno da parte mia, e voglio sperare anche da parte sua).
Qualcuno che degli articoli legge solo i titoli - parlo di questo articolo - le aveva riferito che io avevo scritto che lei non sapeva chi fossero (o che non aveva annunciato in trasmissione) gli autori di "La canzone dell'amore perduto".
Ora: l'articolo è ancora lì, e basta leggerselo, per capire che in esso ho dato degli ignoranti a quelli che hanno scritto della puntata di ieri di X Factor e all'ignoto estensore di una didascalia sul sito di X Factor; non certo a Mara Maionchi, che (come me) ha conosciuto e stimato sia Duilio Del Prete, autore del testo della prima versione italiana della canzone di Jacques Brel, sia Sergio Bardotti, coautore (con Miki Del Prete, che pure abbiamo conosciuto entrambi) del testo della seconda versione italiana della stessa canzone, e che come me conosce benissimo la storia di quella canzone.
Mara è una persona di carattere, e come tutte le persone di carattere è anche una che s'imbizzarrisce facilmente; però è anche una persona intelligente, e quando le ho suggerito di non fidarsi di quello che le riferivano ma di leggere l'articolo ha capito che (com'è ovvio) non era certamente a lei che davo dell'ignorante.
Dopo che abbiamo messo giù il telefono, mi ha richiamato per dirmi che però il titolo era fuorviante perché per com'è scritto sembra che si riferisca a X Factor in toto, e di conseguenza anche a lei, e mi ha di nuovo (sempre, spero, affettuosamente, mandato a - vabbé, questo non lo scrivo).
Allora: rimango della mia idea, e cioè che degli articoli bisogna leggere il testo e non fermarsi al titolo; ma se Mara mi dice che il titolo poteva trarre in inganno, le dò retta e provo a leggerlo da un altro punto di vista.
Anche così, però, non ci trovo scritto "Quegli ignoranti di X Factor non sanno che…", ma "X Factor: No, ignoranti…", con quel che segue. Nelle intenzioni, quell' "X Factor" all'inizio serviva a far capire a cosa ci si riferiva nell'articolo, non a dare degli ignoranti a tutti quelli che a X Factor lavorano. Chi mi conosce un po', e Mara mi conosce, sa bene che se avessi voluto accusare lei di ignoranza il titolo sarebbe stato "Quell'ignorante di Mara Maionchi non sa che…": perché non vado certo noto per essere uno che le manda a dire.
Comunque, a beneficio di tutti quelli che l'hanno capita come la volevano capire loro, e non come la voleva far capire il titolo, ribadisco che sono certo che Mara Maionchi (a differenza di molti altri, purtroppo) sia perfettamente al corrente di tutto ciò che riguarda quella canzone; e che se non l'ho precisato nel testo è stato solo perché, come del resto è dichiarato fin dall'inizio, "Non ho guardato, ieri sera, la prima puntata dei live di X Factor. Non per snobismo, ma perché non sono abbonato a Sky".
Quindi nessuno poteva pensare, fin dall'inizio appunto, che quello che stavo per scrivere si riferisse a quanto accaduto durante la puntata.
Adesso che ho di nuovo rispiegato il tutto (come ho già fatto questa mattina rispondendo ad alcuni commenti sul Facebook di Rockol), mi auguro che Mara continui a volermi così bene da telefonarmi altre volte, sia pure per darmi della merda.
E già che ci sono, mi auguro che sostenga personalmente, e chieda a suo marito, Alberto Salerno, di sostenere Rockol nella nostra battaglia per rendere obbligatoria la citazione in sovrimpressione dei nomi degli autori delle canzoni, quando quelle canzoni sono cantate in TV.

Franco Zanetti

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.