'Shining' torna al cinema restaurato: i tributi in musica al cult di Kubrick

Caricamento video in corso Link

Oggi è stata presentata sul grande schermo la versione restaurata di uno dei capolavori del maestro Stanley Kubrick: “Shining”. Il cult del 1980, ispirato al romanzo di Stephen King, potrà essere rivisto dal pubblico, in questa nuova veste, dal 31 ottobre al 2 novembre in alcune sale cinematografiche - l’elenco è disponibile su Nexo Digital. Tanto è stato detto e ridetto sull’epopea della famiglia Torrance all’Overlook Hotel, che avrebbe poco senso aggiungere dell’altro. Quello che possiamo, però, fare è offrire uno spunto sulle dimensioni dell’influenza di “Shining”, che ha toccato negli anni i più svariati ambiti, incluso quello musicale. E allora ecco tre esempi dei molti tributi che alcuni artisti hanno voluto portare al film horror più citato di sempre.

“The Kill”, Thirty Seconds To Mars (2006)

Caricamento video in corso Link

L’hotel è un po’ più gotico dell’Overlook e manca la neve, ma la trama di "Shining" c’è tutta. Il video del secondo singolo estratto dall'album “A Beautiful Lie” della band di Jared Leto ripercorre alcune delle scene più significative del film, quelle meno spaventose verrebbe da dire. I componenti del gruppo finiscono per avere tutti un gemello, ricevono l’avvertimento di stare lontani dalla stanza 6277 (quella del film è la 237, mentre la cifra scelta per “The Kill” si rifà ai numeri che sulla tastiera di un telefono corrispondono alla parola “Mars”), si perdono tra i corridoi, suonano a un party anni Venti. “Si tratta di affrontare la tua paura e la verità su quello che sei”, ha dichiarato il frontman del gruppo riguardo alla canzone. Tra le varie interpretazioni di "Shining", Jared Leto pone l’accento su questa. E infatti le pagine uscite dalla macchina da scrivere non riportano più l’iconica frase “All work and no play makes Jack a dull boy”, bensì la versione Thirty Seconds To Mars dell’horror di Kubrick: “This is who I really am”.

“Rock The House”, Gorillaz (2001)

Caricamento video in corso Link

Un cimitero, due gemelli e un triciclo sparato in una folle corsa tra i corridoi deserti di un palazzo arroccato in mezzo al nulla. Il set suona familiare, anche se i personaggi di questo dejavù kubrickiano sono le creature di Jamie Hewlett e portano i nomi di 2D, Murdoc, Noodle e Russel. Sì, sono i Gorillaz e con un solo album, “Gorillaz”, il primo della loro carriera, stanno già omaggiando “Shining” per la seconda volta - la prima è stata nel video di “19-2000”, qualche mese prima. Nella clip di “Rock The House” il tributo sta tutto nei primi secondi e negli ultimi, che non sono altro che la stessa scena al contrario. “It's like a flashback”, cantano loro. Decisamente, aggiungiamo noi.

“Karmacoma”, Massive Attack (1995)

Caricamento video in corso Link

Un po’ più velato l’omaggio del collettivo di Bristol, che insieme a “Shining”, nel video di “Karmacoma”, cita anche David Lynch e i fratelli Coen. Il singolo viene dal secondo album dei Massive Attack, “Protection”, e prende vita in un video delirante ambientato nei corridoi, nelle stanze e nei bagni di un albergo dove tutto pare possa succedere. Immancabili le gemelle, ma niente accetta né mazza da baseball: qui l’arma è una pistola e di mazze c’è solo quella da golf. Complice il ritmo rilassato del brano, la tensione perturbante di Shining lascia il posto a un trip surreale in un castello dei destini incrociati.

 

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.