Alexia racconta "Quell'altra" in una AlbumStory su TIMMUSIC

Alexia racconta "Quell'altra" in una AlbumStory su TIMMUSIC

Alexia arriva su TIMMUSIC - la piattaforma di TIM dedicata alla musica in streaming – con una AlbumStory in cui presenta il suo nuovo disco “Quell'altra”, uscito il 29 settembre per Mama 2.0/A1 Entertainment. Nell’intervista, disponibile  sull’App TIMMUSIC, Alexia racconta il suo ultimo lavoro e tira le fila dei suoi vent’anni di carriera. "Con 'Quell’altra' sono riuscita a tirare fuori quella che sono io oggi" - racconta l'artista spezzina - "Questo disco è stato molto terapeutico perché in questi due anni, mentre ci lavoravo su, lavoravo molto anche su me stessa, sulla necessità di essere vera. Venti anni fa quando ho iniziato la mia carriera, ho seguito sempre i consigli di chi aveva più esperienza di me, di chi comunque aveva voce in capitolo perché io era semplicemente una che stava iniziando a muovere i primi passi in questo mondo. Andando un po’ avanti in questa carriera mi sono sentita un po’ usata per portare al successo un brano piuttosto che un altro. Oggi non ho nessuna intenzione di rinnegare alcune cose però mi piace sottolineare che per tanto tempo ho desiderato essere qualcos’altro. La soluzione è stata prendere un bel po’ di riposo e ritornare giustificando questa cosa perché il tempo ha questo potere".

Quanto ai diversi generi musicali che Alexia, negli anni, ha abbracciato, l'artista dice che per questo disco "mi piaceva abbracciare tutte le mie anime, non volevo deludere coloro i quali amano Alexia regina della dance". In particolare, sul brano "Tu Salvami Ancora", dice: "Questo è un brano che ritengo sia davvero completo perché se è vero che ha tutti i criteri utili per ballare e anche vero che ha una scrittura molto bella, di Zibba, soprattutto nella strofa che ha una parte molto cantautoriale". Sempre restando sui singoli brani, Alexia procede con il suo excursus: "'Quell’altra' è una delle mie preferite perché racchiude in pieno il disco, è un sunto perfetto del progetto discografico. Nel brano ho messo a nudo quelli che sono i miei disagi, le mie fragilità, la paura di dimostrare le mie emozioni, la mia sensibilità. Era un modo per proteggermi ma in realtà mi rendo conto che mi allontanava da me stessa".

Su "Innamorati Come Mai", che porta la firma di Mario Lavezzi e di Mogol, la cantante racconta che "è una gioia cantare un brano di questo tipo perché loro due sono in grado di dare freschezza al mio canto, agilità…e poi le parole! Questo signore ad 81 anni riesce ancora a scrivere un sentimento vero. È un gran regalo ed io riesco a cantarlo con una leggerezza quasi infantile". Poi Alexia chiarisce qualche ambiguità su "La Cura", l'unico pezzo dell'album presente anche nella versione in inglese: "La cura per me porta questo titolo perché è un po’ come se parlassi sempre di una relazione, ma in realtà io sto parlando della musica che mi è mancata".

Tra le canzoni più impegnative dell'album, l'artista si sofferma su "Diversa", raccontandola così: "Diversa affronta il tema della violenza sulle donne e ho deciso di farlo per cercare di esprimere il dolore che ho provato, nella fatica che ho fatto per spezzare la catena. Dire la verità è sinonimo di sentirsi poi finalmente libere, libere di spiccare il volo, di essere se stesse e di esprimersi. Nel mio caso, molte volte, le relazioni professionali si confondevano con quelle sentimentali, avevo messo in campo troppe cose e a fatica veniva fuori l’artista; cioè l’artista si confondeva con la persona ed erano risse continue perché parlavo da artista ma venivo trattata da fidanzata e viceversa. Questo è un po’ il sunto. Oggi, per fortuna, tutto questo fa parte del passato, ma è una cosa che ho voluto raccontare per aiutare le persone che magari ora sono in difficoltà".

Infine, chiude il racconto del suo album con un augurio, che lega al brano "Occhi dentro gli occhi": "Occhi dentro gli occhi parla della necessità di essere un po’ normali, di guardarsi negli occhi, di essere meno vincolati da questo oggetto che è il telefonino per creare le relazioni umane. Nei confronti di una società che ci vuole perfetti, questa canzone rappresenta un manifesto per tutti, donne e uomini, persone normali. Siamo tutti fantastici perché ognuno di noi ha una porzione di meraviglia da regalare agli altri".

"Questo disco è un rientro dopo un periodo di pausa, di riflessione, di ricarica con la convinzione di aver lasciato un buon ricordo e la speranza di poter fare ancora cose interessanti e avere soddisfazioni perché questo è un lavoro per il quale io sono molto appassionata".

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.