NEWS   |   Italia / 13/10/2017

Zucchero, da oggi disponibile l'inedito 'Un'altra storia': l'ascolto di Rockol

Zucchero, da oggi disponibile l'inedito 'Un'altra storia': l'ascolto di Rockol

E' uno Sugar dolente quello che oggi, venerdì 13 ottobre, torna a segnalarsi al pubblico con "Un'altra storia", l'inedito incluso nel cofanetto antologico "Wanted (The Best Collection)" in uscita il prossimo 3 novembre: "E se penso a te mi faccio male, ma invecchierò pensando a te", attacca il bluesman emilano su un arpeggio di chitarra "sporcato" da sequenze - poche e molto discrete, ma piazzate al posto giusto - cariche di effetti. La storia, "l'altra", è d'amore, ed è chiaramente tormentata, ma - almeno in prima battuta - non è chiaro se sia o meno ancora in corso. "E se me ne andai fu per amore, che un giorno sai ucciderò", canta Zucchero prima del ritornello, che - mutuando (al contrario, e sicuramente inconsapevolmente) il titolo di un romanzo dello scrittore svedese Gunnar Ardelius - recita in inglese "I love you more than I need you, 'cause I feel so bad / I need you more than I want you, 'cause I feel so bad" (Ti amo più di quanto abbia bisogno di te, perché mi sento così male / Ho bisogno di te più di quanto ti desideri, perché mi sento così male"). Una storia dolorosa, quindi, ma non finita - "Ma non è vero / che il cielo è nero", canta Zucchero su un finale strumentalmente esplosivo - che però potrebbe essere diversa da come la si immagina ("è un'altra storia quella che sai che so"), o - per lo meno - da come ce la fa immaginare chi la canta.

Strumentalmente, "Un'altra storia" ha tutti i crismi per aspirare all'alta rotazione sui network nazionali: il formato è quello della ballata midtempo da quattro minuti o poco più, con un ritornello finale "sfumabile" perfetto per l'inserimento nei palinsesti. Le sonorità sono curate ma piuttosto convenzionali, digeribilissime anche dal pubblico generalista: strutturalmente tripartito, l'arrangiamento del brano lascia molto spazio all'elettronica nella prima parte, per poi rafforzare la base musicale in quella centrale e infine esplodere sulla terza, l'unica dove compaia la batteria acustica. Grande protagonista è il synth, al quale viene affidata la melodia portante del ritornello, dove alla chitarra è riservato solo un ruolo da accompagnamento.

Questa notizia è stata resa possibile dalla gentile collaborazione di Radio Airplay.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi