George Michael: lunedì 16 in onda in UK un documentario autobiografico. "Anselmo, il compagno della mia vita"

George Michael: lunedì 16 in onda in UK un documentario autobiografico. "Anselmo, il compagno della mia vita"

"George Michael: Freedom" è il titolo di un documentario autobiografico, della durata di un'ora e mezza, al quale George Michael stava lavorando prima di morire, e che sarà trasmesso da Channel 4 lunedì 16 ottobre.
Il documentario, nel quale pare non figuri in alcun modo Faid Fawaz (ultimo compagno del musicista), sembra invece dare grande spazio a Anselmo Feleppa, quello che lo stesso Michael aveva definito "Il grande amore della mia vita".
Il documentario è centrato sulla vita di George Michael negli anni Novanta; Michael conobbe Feleppa nel 1991.

Così ricorda George:


"Stavo tenendo un concerto allo Stadio Maracanà di Rio de Janeiro, di fronte a 160.000 persone. In prima fila, alla destra del palco, c'era seduto questo ragazzo che mi guardava fisso. Era così carino che, nel timore di distrarmi, cercavo di stare lontano da quella zona del palco, per paura di dimenticarmi le parole delle canzoni. Nel momento in cui l'ho visto ho capito che avrebbe fatto parte della mia vita".

E George commenta ancora:

"Trovare in lui un compagno per la mia vita mi ha cambiato. Lui è stato il mio salvatore. Anselmo è stata la prima persona che ho amato disinteressatamente. Era pieno di energia, molto affettuoso. Con lui ero felice come non lo ero mai stato prima. Ancora oggi fatico a spiegare quanto trovare un compagno, in quel particolare momento della mia vita, mi abbia cambiato. Anselmo era un compagno meraviglioso e una persona straordinaria".

Pochi mesi dopo l'inizio della relazione con George Michael, ad Anselmo Feleppa fu diagnosticato l'AIDS. Il ragazzo morì nel marzo del 1993.

"La notizia della sua malattia mi sconvolse, la sua morte mi devastò. Cè un lungo periodo della mia vita, quello successivo alla morte di Anselmo, del quale ho soltanto un ricordo confuso. Ancora adesso, 23 anni dopo, il suo pensiero mi fa piangere".

David Austin, amico e ex manager dell'artista, che è condirettore, con George Michael, e direttore esecutivo del documentario, spiega che la decisione di raccontare in modo esplicito la relazione con Anselmo è stata dello stesso Michael:

“Amava Anselmo, che era stato una persona importantissima nella sua vita, e voleva dirlo. E' stata sua anche la scelta di includere nel documentario delle immagini private della loro vita in coppia".

e anticipa che in esso è ampiamente trattata anche la vicenda della lunga vertenza legale con la Sony seguita all'uscita di "Listen without prejudice", nel 1990.


"Si pentì di aver iniziato quella vertenza: mise fine alla sua carriera negli Stati Uniti, che allora stava per decollare".

Nel documentario "George Michael: Freedom" compaiono fra gli altri anche Liam Gallagher, Naomi Campbell, Mary J Blige, Elton John e Stevie Wonder.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.