NEWS   |   Pop/Rock / 28/09/2017

Frank Zappa, è guerra al tour con l'ologramma: dopo Dweezil si sfila anche Adrian Belew

Frank Zappa, è guerra al tour con l'ologramma: dopo Dweezil si sfila anche Adrian Belew

Non è solo Dweezil Zappa nella battaglia contro il tour "virtuale" progettato dallo Zappa Family Trust, la fondazione che amministra il patrimonio artistico e finanziario del genio losangelino che vorrebbe resuscitare il leader dei Mothers of Invention per mezzo di un ologramma: dopo la polemica presa di distanze dall'operazione del figlio maggiore di Frank Zappa, si è registrata nelle ultime ore anche la bocciatura di Adrian Belew, asso delle sei corde in passato al lavoro con - tra gli altri - David Bowie, Talking Heads e King Crimson che del compositore scomparso nel '93 fu uno dei primi e più importanti collaboratori.

"Ecco quello che penso, in ultima analisi, di questa faccenda", ha spiegato l'artista per mezzo di una nota: "Non suonerò la musica di Zappa nel prossimo futuro, in nessuna situazione: questa faccenda è diventata troppo aspra e divisiva. Ho sempre ammirato Dweezil per aver suonato la musica di suo padre, e per averla suonata maledettamente bene. Ricordo il tempo passato con la piccola Moon e quanto le ho voluto bene. Recentemente ho incontrato anche Diva [una delle figlie di Zappa che sta spingendo per l'"operazione ologramma", ndr] e con me è stata estremamente gentile. Benché non abbia mai incontrato di persona Ahmet [l'altro figlio schierato con Diva, ndr] anche lui con me è sempre stato molto carino con me, chiedendomi di scrivere le note del cofanetto di Halloween, e trattandomi sempre con molto rispetto. Io so una cosa, senza dubbio: Zappa amava la sua famiglia".

"Ho molte cose creative da fare, e spero che vi piacciano", ha concluso Belew: "Nessuna di queste, tuttavia, ha a che fare con l'universo di Zappa, benché - da parte mia - per Frank ci sarà sempre amore e devozione".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi