Frank Zappa, è guerra al tour con l'ologramma: dopo Dweezil si sfila anche Adrian Belew

Frank Zappa, è guerra al tour con l'ologramma: dopo Dweezil si sfila anche Adrian Belew

Non è solo Dweezil Zappa nella battaglia contro il tour "virtuale" progettato dallo Zappa Family Trust, la fondazione che amministra il patrimonio artistico e finanziario del genio losangelino che vorrebbe resuscitare il leader dei Mothers of Invention per mezzo di un ologramma: dopo la polemica presa di distanze dall'operazione del figlio maggiore di Frank Zappa, si è registrata nelle ultime ore anche la bocciatura di Adrian Belew, asso delle sei corde in passato al lavoro con - tra gli altri - David Bowie, Talking Heads e King Crimson che del compositore scomparso nel '93 fu uno dei primi e più importanti collaboratori.

"Ecco quello che penso, in ultima analisi, di questa faccenda", ha spiegato l'artista per mezzo di una nota: "Non suonerò la musica di Zappa nel prossimo futuro, in nessuna situazione: questa faccenda è diventata troppo aspra e divisiva. Ho sempre ammirato Dweezil per aver suonato la musica di suo padre, e per averla suonata maledettamente bene. Ricordo il tempo passato con la piccola Moon e quanto le ho voluto bene. Recentemente ho incontrato anche Diva [una delle figlie di Zappa che sta spingendo per l'"operazione ologramma", ndr] e con me è stata estremamente gentile. Benché non abbia mai incontrato di persona Ahmet [l'altro figlio schierato con Diva, ndr] anche lui con me è sempre stato molto carino con me, chiedendomi di scrivere le note del cofanetto di Halloween, e trattandomi sempre con molto rispetto. Io so una cosa, senza dubbio: Zappa amava la sua famiglia".

"Ho molte cose creative da fare, e spero che vi piacciano", ha concluso Belew: "Nessuna di queste, tuttavia, ha a che fare con l'universo di Zappa, benché - da parte mia - per Frank ci sarà sempre amore e devozione".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.