Inginocchiàti per protesta: dallo sport alla musica, ecco cos'è #TakeAKnee

Inginocchiàti per protesta: dallo sport alla musica, ecco cos'è #TakeAKnee

Negli Stati Uniti l'hanno battezzata "Take a knee" (e hanno creato anche un hashtag per i social network, #TakeAKnee), in italiano è traducibile come "Mettetevi in ginocchio" o come "la protesta della genuflessione". Inizialmente confinata in ambito sportivo, negli ultimi giorni si è riversata anche nel mondo della musica: prima Stevie Wonder, poi Eddie Vedder e Pharrell Williams. Ora anche John Legend (che sull'argomento ha scritto anche l'editoriale per una rivista) e i cantanti che interpretano l'inno nazionale degli Stati Uniti prima delle partite di football.

La protesta ebbe inizio lo scorso anno: nacque come gesto di contestazione contro il razzismo negli Stati Uniti e in particolar modo contro le uccisioni di afroamericani per mano di poliziotti bianchi. Il primo a protestare fu uno sportivo, il giocatore di football Colin Kaepernick: star della National Football League, la maggiore lega professionistica nordamericana di football, nel 2016 Kaepernick - che ha origini africane - si mise seduto durante l'inno nazionale americano, prima di una partita. "Non voglio alzarmi in piedi e mostrare orgoglio per una bandiera di un paese che opprime le persone di colore. Questo, per me, è più importante del calcio: ci sono corpi in strada...", disse il giocatore in un'intervista, subito dopo il match.

Pochi giorni dopo, prima di un altra partita, Kaepernick si inginocchiò mentre gli altri giocatori e i tifosi cantavano l'inno degli Stati Uniti. Seguirono parecchie polemiche e il giocatore fu addirittura minacciato di morte. I dirigenti della San Francisco 49ers, la squadra nella quale Kaepernick giocava, decisero di licenziarlo. "Se qualcuno si inginocchia e rifiuta il saluto alla bandiera, io gli dico: 'Sei licenziato!'", ha commentato recentemente Donald Trump.

La protesta si è riaccesa negli scorsi giorni, quando un altro sportivo, il giocatore di basket Stephen Curry (anche lui di origini africane) ha rifiutato l'invito di Donald Trump di andare a fare una visita alla Casa Bianca insieme alla sua squadra, i Golden State Warriors. La decisione di Curry è arrivata in seguito ai commenti ambigui di Trump sui fatti di Charlottesville: "Bisogna dare un segnale", ha detto il cestista. Trump, allora, ha risposto ritirando l'invito e nella disputa si è inserito anche LeBron James, altra star del basket americano, che ha pesantemente insultato il presidente degli Stati Uniti.

Il gesto di Colin Kaepernick è stato ripreso sul palco del Global Citizen festival di New York da Stevie Wonder, cantore della black people, della gente nera, un punto di riferimento in musica dei tanti neri americani: "Stasera mi inginocchio per l'America", ha detto, come già riportato da Rockol.
Ma la polemica ha cominciato a dilagare anche al di fuori dagli Stati Uniti: ieri, domenica 24 settembre, prima del match tra i Baltimore Ravens e i Jacksonville Jaguars allo stadio di Wembley, a Londra, una ventina di giocatori si sono inginocchiati mentre veniva cantato l'inno nazionale americano (invece sulle note dell'inno britannico, "God save the Queen", nessuno è rimasto inginocchiato a terra: si sono alzati tutti). "I fan dello sport non dovrebbero tollerare giocatori che non stanno in piedi fieri del loro inno nazionale o del loro paese. La NFL dovrebbe cambiare linea di condotta!", ha tuonato Trump.

Più o meno contemporaneamente, negli Stati Uniti, il cantante soul Rico LaBelle, di origini africane, si è inchinato mentre interpretava l'inno nazionale degli Stati Uniti prima del match tra Atlanta Falcons e Detroit Lions allo stadio di Detroit. E alla fine dell'esibizione ha anche alzato un pugno al cielo, proprio come fecero nel 1968 i velocisti afroamericani Tommie Smith e John Carlos dopo aver vinto rispettivamente la medaglia d'oro e di bronzo alle Olimpiadi di Città del Messico: "Perderà questa battaglia", ha scritto il cantante su Twitter, riferendosi a Donald Trump.

Si è inginocchiata anche Meghan Linsey, chiamata ad interpretare l'inno degli Stati Uniti prima della partita tra Seattle Seahawks e Tennessee Titans, allo stadio di Nashville. Cantante country classe 1985, originaria della Louisiana, Meghan Linsey è salita alla ribalta nel 2015 grazie alla partecipazione a The Voice: entrata nella squadra di Pharrell Williams, poi passata a quella di Blake Shelton, si è classificata seconda all'edizione statunitense del talent.

Ieri sera, mentre Eddie Vedder si inchinava sul palco del Pilgrimage Festival e Pharrell Williams su quello del "Concert for Charlottesville", John Legend faceva la stessa cosa durante il suo concerto ad Amburgo. Anche lui alzando il pugno verso il cielo come i due atleti afroamericani delle Olimpiadi di Città del Messico.

View this post on Instagram

#TakeaKnee #DarknessAndLightTour #GLORY

A post shared by John Legend (@johnlegend) on

Il cantante ha anche scritto un editoriale per Slate, rivista statunitense online che tratta di argomenti di attualità e cultura generale. Nell'articolo, Legend parla della protesta dei giocatori della NFL come di un gesto patriottico ed esordisce attaccando direttamente Donald Trump:

"Ha incoraggiato concretamente un potere estero ostile ad infiltrarsi nelle nostre procedure elettorali. Vuole sopprimere il diritto di voto di milioni di americani perché non hanno votato per lui. Compromette sistematicamente la liberà di religione con la sua rabbiosa islamofobia, attacca la stampa libera disturbandola continuamente e ora sta attaccando i diritti della popolazione a protestare in modo pacifico".

Poi, richiamando le proteste di Selma e dell'Alabama, aggiunge:

"Protestare è patriottico. Protestare ha svolto un ruolo fondamentale nell'elevare le voci più deboli della nostra nazione. Protestare, in America, è stato fondamentale per porre fine alla guerra, per richiedere l'uguaglianza dei diritti, per porre fine a comportamenti sleali che rendevano i cittadini emarginati. Se impediamo le proteste in nome del patriottismo, non siamo patrioti: siamo tiranni".

Infine, Legend commenta:

"Faccio il cantante - nessuno mi vorrebbe in un team della NFL. Ma se avessi potuto, domenica mi sarei inginocchiato. Perché queste proteste sono una forma di fedeltà agli ideali che sono i principi fondamentali della nostra nazioni: molti eroi hanno perso la vita per difenderli. Sono la definizione del patriottismo".

Oltre a Eddie Vedder, la protesta è stata condivisa anche da un altro musicista bianco, Mark Ronson. Il produttore, già collaboratore di Bruno Mars, Amy Winehouse, Lady Gaga e Queens of the Stone Age (è sua la produzione del loro ultimo album, "Villains"), nelle ultime ore ha twittato contro Joe Walsh - non in chitarrista, ma il politico conservatore dell'Illinois - che era stato piuttosto duro contro il gesto di Stevie Wonder: "Un altro ingrato nero multi milionario", aveva commentato. Ronson gli ha risposto: "Pezzo di merda. Stevie Wonder non ha portato altro che gioia a milione e milioni di persone per 50 anni". 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.