Lollapalooza Berlin 2017: il resoconto della prima giornata con Mumford & Sons, George Ezra, Beatsteaks e...

Lollapalooza Berlin 2017: il resoconto della prima giornata con Mumford & Sons, George Ezra, Beatsteaks e...

Un clima più da festival autunnale che da grande raduno estivo - ché il 9 settembre, a certe latitudini, è estate solo per il calendario - ha accolto il debutto dell'edizione tedesca del Lollapalooza all'ippodromo di Hoppegarten, piccolo centro nell'hinterland berlinese dove la creatura di Perry Farrell si è rifugiata dopo essere stata sfrattata prima dai residenti del centralissimo ex aeroporto di Tempelhof - nel 2015 - e poi dal più periferico parco di  Treptower, l'anno successivo: il meteo non ha scoraggiato gli 85mila fan - questi i dati forniti dagli organizzatori - che hanno fatto registrare il sold-out per il primo dei due appuntamenti, andati entrambi esauriti in prevendita qualche giorno prima dell'apertura dei cancelli.

L'accesso all'area concerti, nella giornata di sabato 9 settembre, non si è rivelato troppo agevole: i controlli scrupolosi su borse, zaini e - soprattutto - sui biglietti (questi ultimi nominali nel vero senso della parola, e utilizzabili solo dietro l'esibizione di un documento di identità in corso di validità), hanno congestionato i varchi di accesso, per passare i quali, nel corso della mattinata, è stato necessario pazientare in coda anche per un'ora abbondante.

Dentro, la macchina Lollapalooza ha funzionato alla perfezione: la prima esibizione notevole è stata quella dei Bear's Den, sul secondo Main Stage. Il gruppo di Andrew Davie e Kevin Jones si è prodotto in un set impeccabile, forse troppo pulito ma comunque coinvolgente: sono stati loro, nel primo pomeriggio, ad accendere la platea, che nel frattempo stava riempiendo, sotto la pioggia, l'enorme spianata occupata dal festival.

Mentre sul Perry's Stage i Drunken Maters cedevano il posto a Mike Perry, gli austriaci Wanda accendavano dal palco principale l'entusiasmo del pubblico locale. A coinvolgere (anche) gli spettatori non germanofoni ci ha pensato Gerge Ezra: il ventiquattrenne britannico - il cui set, purtroppo, era perfettamente sovrapposto a quello dei Vaccines sull'Alternative Stage - ha guadagnato i riflettori in punta di piedi, riuscendo a stregare la folla con pochissimo fumo e molto arrosto. Supportato da una band rodata alla perfezione - cosa da dare tutt'altro per scontata, quando si ha a che fare con un organico da almeno sei elementi che si destreggia tra elettronica e sezione fiati - il ventiquattrenne britannico ha infilato in scaletta i suoi cavalli di battaglia, senza dimenticare qualche anticipazione dal nuovo album come "Get Away", piazzata in seconda posizione nella setlist e già eseguita dal vivo più volte nel corso della bella stagione ormai agli sgoccioli.

Il tardo pomeriggio è stato all'insegna del Made in Germany: i Beatsteaks giocavano in casa, e il piglio sfoderato da Arnim Teutoburg-Weiß sul palco lasciava presagire che questa, per loro, sarebbe stata una giornata speciale. Con la platea ormai ai limiti della capienza, i profeti locali del punk rock si sono concessi oltre un'ora di set, alternando classici di repertorio a divertissement cuciti addosso ai fan come la rilettura di "I Want to Break Free" dei Queen. Voglia di vincere facile? Probabilmente, ma moderata, se paragonata a quella mostrata da Marteria, al secolo Marten Laciny, da Rostock, al quale è stato affidato lo slot pre-headliner: difficile, per chi abbia poco confidenza con la scena rap-electro tedesca, giudicare la scaletta elaborata per Hoppegarten. Certo, l'aver sfoderato a inizio set "Aliens", registrata in studio con la collaborazione dello stesso Teutoburg-Weiß e riproposta con lo stesso special guest sul palco del Lollapalooza - che fino a pochi minuti prima era in azione sull'altro main stage a qualche centinaio di metri di distanza - è parsa la più classica delle captatio benevolentiae o mossa paracula che dir si voglia, che però ha funzionato, e bene. Tanto bene da "schiacciare" - sia a livelli di volume che di pubblico - l'esibizione del pur bravo Michael Kiwanuka sull'alternative stage.

Trovarsi nel running order dopo un set concluso tra giochi pirotecnici e un interminabile bagno di folla del frontman non è facile, ma Marcus Mumford e i suoi non si sono fatti intimorire: là dove Laciny è arrivato con i muscoli, i bassi sintetici compressi al massimo e il volume degli amplificatori, il quartetto britannico è arrivato a modo suo, cioè con classe e mestiere. La scaletta sfoderata al Lollapalooza Berlin non si è discostata troppo da quelle proposte dai Mumford and Sons nel corso delle ultime settimane, con "Snake Eyes" e "Little Lion Man" ad aprire le danze seguite da - tra le altre - "White Blank Page", "Tompkins Square Park" e "Awake My Soul", ma l'apparizione sul palco di Baaba Maal per le inevitabili (perché già fissate su nastro insieme all'artista senegale per l'EP "Johannesburg") "Si Tu Veux", "Wona" e "There Will Be Time" - in ogni caso già proposte, da vivo, nel corso della bella stagione - ha contribuito a variare il menù dopo la serie di date con il featuring appaltato alle First Aid Kit.

Peccato che tanti - compreso chi scrive - buona parte del set dei Mumford and Sons l'abbiano sentito sulla via dell'uscita, dopo i poco rassicuranti tweet degli organizzatori che, vista l'affluenza record e la difficoltà nei collegamenti con il centro della città, invitavano gli spettatori a "pianificare il proprio rientro con attenzione" al fine di evitare un maxi ingorgo alle fermate dei bus e alla stazione della linea 8 della S-Bahn. Dove, tra l'altro, la situazione era già piuttosto critica ben prima dell'inizio dei set di Two Doors Cinema Club e Boys Noize, quest'ultimo chiamato a sostituire sul Perry's Stage Marshmello bloccato negli USA dall'uragano Harvey.

Domani, coi Foo Fighters, difficilmente la musica, logisticamente parlando, cambierà: che per i fortunati ospiti della Platinum Area - sì, qui c'è anche quella, messa di fianco a quella, più tradizionale e meno lussuosa, denominata "Vip" - siano già in preparazione dei pratici jet pack?
(dp)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.