Public Enemy: Flavor Flav fa causa a Chuck D

Public Enemy: Flavor Flav fa causa a Chuck D

Nemici pubblici, di nome e di fatto: i due leader e volti storici dei Public Enemy sono in causa. Flavor Flav, vero nome William J. Drayton, ha infatti citato in giudizio Chuck D e gli altri membri della band per il mancato pagamento di diritti d'autore e diritti sul merchandising.
Si legge nella citazione, presentata dal legale A. Eric Bjorgum lo scorso 29 agosto:

Nonostante  il ruolo di Drayton nei Public Enemy,  il gruppo e le relative società hanno per anni tentato di usare la fama e la persona di Drayton per commercializzare il marchio. (...) I pagamenti sono diminuiti a quasi nulla, gli è stato rifiutata la possibilità di vedere i conti, anche sugli oggetti che lo rappresentano.

Secondo quanto riporta Billboard, la causa è diretta anche a  Gary "G-Wiz" Rinaldo, SLAMjamz Records, Reach Music Publishing, Inc., Carlton Ridenhour (Chuck D), Sounddome Entertainment, Inc., manager Clifton "Greg" Johnson e alla Xecutive Entertainment, e sostiene che Flav da anni non riceva adeguata compensazione economica relativa ai diritti d'autore delle oltre 50 canzoni che ha scritto.

Inoltre, i giganti dell'hip hop statunitense avrebbero realizzato l'ultimo album "Nothing Is Quick In The Desert" senza il suo consenso e autorizzazione: Flav si sarebbe recato in studio, ma pensando si trattasse di prove e senza essere consapevole che quelle registrazioni - che lui ritiene non ai suoi standard - sarebbero state poi utilizzate:

Il 29 giugno 2017, Drayton è rimasto scioccato nell'apprendere della pubblicazione di un nuovo album Public Enemy: la sua immagine è stata usata in diversi media per promuovere l'album.  Non aveva mai sentito né l'album né i mix finali.

L'ultimo album dei Public Enemy è stato reso disponibile gratuitamente lo scorso giugno su BandCamp. "Dopo trent'anni, 106 tour in 105 paesi e innumerevoli dischi, grazie! Questo è per voi: prendetelo, finché è gratis", ha spiegato al tempo  Chuck D: "'Nothing Is Quick In The Desert' ('Niente è veloce nel deserto') è un'espressione che uso quando un non addetto ai lavori osserva l'industria discografica: sembra morta come un deserto, ma il deserto è pieno di vita, se si sa dove guardare e dove ascoltare. C'è il cactus, per esempio, che assorbe l'acqua e la immagazzina nelle proprie radici, e ci sono creature che prosperano in un ambiente così secco da essere proibitivo per altre. Se si tratta di sopravvivere nel deserto, essere nella media - o sotto di essa - si paga. All'industria musicale può essere applicata questa analogia: è sempre in movimento. Ha solo bisogno di essere ridefinita".

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.