In ricordo di Nanni Svampa, ex dei Gufi, cantore di Milano e traduttore di Brassens (1 / 12)

In ricordo di Nanni Svampa, ex dei Gufi, cantore di Milano e traduttore di Brassens

E' morto il 26 agosto 2017 a Varese Nanni Svampa, cantante, musicista, teatrante, scrittore lombardo. Era nato a Milano il 28 febbraio del 1938. Laureato alla Bocconi, cominciò a frequentare l'ambiente del cabaret milanese e fondò il complesso "I soliti idioti". Durante il servizio militare scoprì il repertorio del cantautore francese Georges Brassens, cominciando a tradurne le canzoni in dialetto milanese, poi raccolte nel suo primo disco, "Nanni Svampa canta Brassens". Conosce poi Lino Patruno, musicista jazz, e con lui, Gianni Magni e Roberto Brivio fonda I Gufi.
Nel loro periodo di attività I Gufi incidono 13 album, in cui raccolgono sia canzoni in milanese, sia canzoni politiche e comiche, sia canzoni "macabre" (la divisa del gruppo era interamente nera), mettono in scena numerosi spettacoli e frequentano spesso la televisione, Si sciolgono alla fine degli anni Sessanta, e si riuniranno brevemente nel 1981.
Dopo la chiusura dell'esperienza con I Gufi, Svampa si dedica intensamente alla riscoperta delle canzoni della tradizione milanese, pubblicando ben 12 album raccolti in "Milanese - Antologia della canzone lombarda", un'opera fondamentale per ampiezza e profondità di ricerca filologica. Continua anche a lavorare sulle canzoni di Georges Brassens, che poi raccoglie in altri album (il più recente è "Donne gorilla fantasmi e lillà", del 2004.
Fino all'ultimo ha continuato a tenere concerti e spettacoli in teatri di tutta Italia, ma particolarmente nella sua Lombardia.

Ecco alcune canzoni tratte dall'antologia della canzone lombarda.


O mia bela madunina

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.