2017, ecco i dieci festival più costosi del mondo: biglietti da 200 a un milione di dollari. E il secondary ticketing non c'entra... (1 / 10)

2017, ecco i dieci festival più costosi del mondo: biglietti da 200 a un milione di dollari. E il secondary ticketing non c'entra...

Il caro biglietti è un argomento molto sentito dagli appassionati di musica dal vivo, spesso dibattuto anche dagli stessi addetti ai lavori. Eppure l'industria del live entertainment non pare sforzarsi troppo di arginare gli eccessi degli organizzatori più spregiudicati. Anzi, la voglia di sfarzo e di eccessi da parte di una piccola - ma sempre più numerosa e coccolata dal mercato - nicchia di clienti estremamente facoltosi ha portato diversi promoter a escogitare nuove soluzioni (si vedano, al proposito, i vip package) per rendere quello che fino a una decina d'anni fa era un semplice - seppure bello, emozionante e tutto ciò che volete - concerto in un'"esperienza deluxe" in tutto e per tutto.

Senza considerare le storture del secondaty market, Digital Music News ha allineato in una classifica - che vi proponiamo nelle prossime pagine, dall'evento per così dire più economico a quello più costoso - dei festival più cari programmati in tutto il mondo nel 2017. Attenzione: qui gli speculatori non c'entrano. I prezzi indicati altro non sono che il face value, ovvero il prezzo chiesto direttamente dagli organizzatori degli eventi attraverso i propri canali ufficiali.

Se pensate che i 70 / 80 euro che avete speso quest'estate per vedere il vostro gruppo preferito suonare in Italia, per lo meno consolatevi: all'estero il più delle volte non va meglio. Anzi. Si prenda, per esempio, il Tday Festival di Negril, in Giamaica: l'ingresso semplice all'evento - tenuto su una delle più suggestive spiagge dell'isola caraibica, con una line-up a base di reggae e hip hop e eventi collaterali che spaziano dallo yoga allo sviluppo sostenibile, costano 200 dollari americani per tutta la durata della manifestazione. Spiccioli, rispetto a...

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.