Quella volta che Lemmy salvò il culo ai Twisted Sister

Quella volta che Lemmy salvò il culo ai Twisted Sister

L’idea di partenza è bella ma difficile da realizzare: Dee Snider vuole che i suoi Twisted Sister si vestano come donne, parlino come uomini e suonino come figli di puttana.
Nel 1982 sono vicini a raggiungere quel risultato, ma ancora lontani dal conquistare la gloria. In America qualcuno li conosce e sta cominciando a far girare la voce, in Gran Bretagna però sono carneadi assoluti. E stavolta sanno di rischiare molto, perché devono aprire nientepopodimenoché per i Motorhead di Lemmy, i cui fan sono noti per essere i più integralisti e intransigenti del carrozzone rock. In sintesi: tutto ciò che sale sul palco, si muove, parla o canta prima dei Motorhead deve diventare bersaglio.
Il 24 luglio 1982, i Twisted Sister se la stanno dunque facendo sotto. Già pensano a come faranno a schivare tutti gli oggetti che arriveranno verso di loro, no: contro di loro.
Sono nei camerini. Qualcuno bussa. È Lemmy. Come dirà in seguito Dee Snider, forse aveva sentito la puzza di merda di chi se l’era fatta nei pantaloni.
“Se vi va, vi presento io...”
I Twisted Sisters non credono alle loro orecchie. Forse questa è la salvezza.
“Salgo sul palco, ma solo se è necessario”, aggiunge Lemmy. Poi sparisce.
I Twisted Sister escono, raggiungono la scaletta che dà l’accesso al palco. Qualcuno prega, qualcuno impreca, tutti salgono. Non hanno altra scelta. Non fanno nemmeno in tempo a collegare gli strumenti che dalle prime file arriva di tutto: lattine, bottiglie, scatole, qualsiasi cosa abbia una consistenza e provochi dolore se ti raggiunge.
La band è disperata. Ecco però che arriva Lemmy dei Motorhead. Il pubblico tace improvvisamente. Non si aspettava quell’apparizione.
Lemmy dice solo dodici parole: “These are some friends of mine from America. Give’em a listen”, questi sono alcuni miei amici che arrivano dall’America. Provate ad ascoltarli.
Il resto è storia.

 

Questo aneddoto è estratto dal libro "Rock bazar - volume secondo" di Massimo Cotto, edito da Vololibero Edizioni (344 pagine, 15,30 euro)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.