Spotify, la lunga strada verso la quotazione: Goldman Sachs vende 75 milioni di dollari di azioni

Spotify, la lunga strada verso la quotazione: Goldman Sachs vende 75 milioni di dollari di azioni

Secondo quanto riferito da Sky News, il fondo speculativo Goldman Sachs Investment Partners, braccio armato finanziario della nota banca d'affari Goldman Sachs, nelle ultime settimane avrebbe ceduto oltre 75 milioni di dollari in azioni di Spotify: nello specifico GSIP avrebbe liquidato circa 24mila obbligazioni - al prezzo di 3100 dollari l'una - togliendo di fatto la società guidata da Daniel Ek dal proprio portafoglio azionario.

Secondo osservatori internazionali questa sarebbe solo la tappa più recente del cammino intrapreso dalla piattaforma streaming svedese verso il direct listing, vale a dire la quotazione diretta sulla Borsa di New York che, evitando la più canonica offerta pubblica iniziale, gli permetterebbe di risparmiare sulle commissioni bancarie allargando così i margini di rientro sul miliardo di dollari di debito accumulati nel corso dell'anno passato. Al momento Spotify sarebbe valutata dagli analisti attorno ai 13 miliardi di dollari.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.