Processo Taylor Swift, il disc jockey sconfitto ripete: "Non l'ho toccata"

Processo Taylor Swift, il disc jockey sconfitto ripete: "Non l'ho toccata"

Dopo la conclusione, a lui sfavorevole, del processo che l'ha visto opposto a Taylor Swift il disc jockey David Mueller ha concesso un'intervista televisiva nella quale ha ribadito la propria versione dei fatti.
Mueller ha detto:


Non ho fatto quello che loro dicono che io abbia fatto. Non l'ho fatto, Non l'ho mai palpeggiata, Non le ho mai messo la mano sotto la gonna. Sono pronto a sottopormi alla macchina della verità.


E a proposito del risarcimento che aveva chiesto per quello che lui ritiene l'ingiusto licenziamento da parte della radio KYGO, nella quale lavorava all'epoca dei fatti, Muller ha aggiunto:


Quello che avevo chiesto era una dichiarazione scritta che dicesse che c'era stato un fraintendimento, affinché potessi usarla per convincere qualche altra radio a farmi lavorare. Nessuna somma di denaro, solo una dichiarazione.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.