Disordini a Charlottesville, le reazioni di Dave Matthews, Lorde, Lady Gaga, John Legend e altri

Disordini a Charlottesville, le reazioni di Dave Matthews, Lorde, Lady Gaga, John Legend e altri

Hanno suscitato scalpore presso la comunità musicale statunitense (e non solo) gli incidenti verificatosi ieri a Charlottesville, in Virginia, dove durante una manifestazione antirazzista un suprematista bianco, identificato dalle autorità americane nel ventenne James Alex Fields, si è scagliato con la propria auto su un corte uccidendo una manifestante (Heather Heyer, 32 anni) e ferendone altri trenta.

"Siamo disgustati dall'atto di razzismo e di odioso terrorismo accaduto nella nostra città questo fine settimana", ha fatto sapere, per mezzo di una nota, la Dave Matthews Band, che proprio a Charlottesville ha mosso i primi passi: "I nostri cuori, come quelli di molti di voi, sono spezzati. I nostri pensieri vanno alle famiglie delle vittime di questi atti inconcepibili. Questa non è la Charlottesville che conosciamo e amiamo. (...) Questi atti criminali e chi li incita non sono quello che noi aspiriamo ad essere. (...) L'odio mascherato da libertà di espressione è pavido e vergognoso. E' proprio la tolleranza nei confronti dei discorsi di odio a dare il via libera a crimini come quello del quale siamo stati testimoni in queste ore. Non c'è niente di puro, accettabile o filosofico nel nazismo, o nel razzismo mascherato da retaggio".

Pur non essendo americana, la neozelandese Lorde ha preso parola sull'argomento twittando: "Vorrei solo dire che sono molto, molto dispiaciuta. Tutti i bianchi sono responsabili del prosperare e della decadenza del nostro sistema. Dobbiamo fare meglio. Sono dispiaciuta".

"Prego perché un vero leader espella da questo paese l'odio", ha twittato Lady Gaga: "Questa non è l'America. Quello che è successo è anzi anti-americano. So che non siamo stati creati per odiarci, ma per amarci e aiutarci. [Il governo] è troppo spaventato per fare la cosa giusta perché preoccupato di perdere voti? Non importa: le giovani generazioni conoscono già la risposta".

"Abbiamo simpatizzanti nazisti e nazionalisti bianchi anche alla Casa Bianca", ha scritto John Legend: "Condannate pure loro. Non devono ricevere i soldi dei contribuenti. Cacciate i razzisti dalla Casa Bianca o chiudete il becco".

Snoop Doog, come molti altri colleghi, ha scelto una foto per esprimere il suo pensiero:

View this post on Instagram

🤷🏾‍♂️👊🏾. Amerikkka

A post shared by snoopdogg (@snoopdogg) on

"Avete problemi con questo [due atleti afroamericani che si rifiutano di cantare l'inno nazionale, nello specifico Colin Kaepernick e Eric Reid dei San Francisco 49ers, durante una delle proteste attuate nell'ambito del movimento Black Lives Matter, ndr] e non con questo [neonazisti in parata]?"

Più poetico, ma sempre "grafico", è stato il messaggio degli Animal Collective:

"Nello spettro non ci sono barriere. I colori, nessuno escluso, sono parti del tutto. Perché, come umanità, dovremmo separarci in base al colore della nostra pelle?".

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.