'Smells Like Teen Spirit': 10 cose che potreste non sapere del brano simbolo dei Nirvana (1 / 11)

'Smells Like Teen Spirit': 10 cose che potreste non sapere del brano simbolo dei Nirvana

Chi l'ha scritta non voleva diventare "nessun cazzo di portavoce", i critici / sociologi / studiosi delle dinamiche popular l'hanno eletta inno generazionale con tutto ciò che ne consegue, azzardando parallelismi con "Anarchy in the UK" dei Sex Pistols per quel distillato di rabbia e frustrazione che la pervade, gli addetti ai lavori dell'industria discografica l'hanno studiata - a posteriori - come primo esempio di successo "virale", cioè innescato in maniera fisiologica dall'apprezzamento del pubblico piuttosto che dai budget promozionali dell'etichetta, che - infatti - dall'ondata di popolarità che ne scaturì fu presa alla sprovvista.

Di certo 28 anni fa, il 10 settembre del 1991, quando venne pubblicato "Smells Like Teen Spirit", primo singolo di un trio di Seattle appena passato sui major da indipendente e con alle spalle un disco - "Bleach" - piuttosto apprezzato dal pubblico di nicchia ma da pochissimi indicato come possibile preludio di un trionfale ingresso nella storia del rock, successe qualcosa che probabilmente, da allora, non si è più ripetuta. Perché il primo singolo del secondo album dei Nirvana segnò davvero un'epoca, dai punti di vista musicale, estetico e culturale, tanto da diventare familiare anche a chi di musica - rock o altro - importa poco o nulla.

A 28 anni di distanza dalla pubblicazione, su "Smells Like Teen Spirit" pesa il titolo di essere l'ultimo dei classici, e più passa il tempo più pare difficile trovare dei pretendenti al titolo plausibili. Inutile, però, crogiolarsi nella retorica dei bei tempi che furono: "Nevermind" aprì sì l'epoca del grunge, ma chiuse quella della discografia classica. Di lì a poco sarebbe arrivato il Web, e niente - nel bene e nel male - sarebbe più stato uguale a prima.

Per celebrare la ricorrenza abbiamo scelto di proporvi dieci curiosità relative a quella che è stata senza dubbio la hit per definizione di Kurt Cobain e compagni: dieci retroscena che, nel loro piccolo, hanno contribuito alla nascita di una leggenda. Buona lettura! (continua)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.