TIDAL, un nuovo CEO (è il quarto: sarà la volta buona?)

TIDAL, un nuovo CEO (è il quarto: sarà la volta buona?)

TIDAL, il servizio di streaming acquisito per 56 milioni di dollari e lanciato da Jay Z nel 2015, ha cambiato (di nuovo) il CEO, ovvero l'amministratore delegato. Dopo Andy Chen, poi sostituito da Peter Tonstad, poi a sua volta sostituito da Jeff Toig, stavolta tocca a Richard Sanders, già in  RCA, V2, Arista Records, Sony Music e poi presidente di Kobalt. Sanders è una vecchia volpe dell'industria discografica, con una ultratrentennale esperienza e i contatti giusti nel settore.
TIDAL ha di recente ricevuto un'iniezione di denaro di 200 milioni di dollari dalla SPRINT, un internet provider statunitense, che ha acquisito il 33% di TIDAL: Marcelo Claure di SPRINT è entrato nel consiglio di amministrazione di TIDAL e sembra abbia contribuito alla scelta di Sanders come nuovo CEO.

Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.