SIAE: un articolo di "Repubblica", le pronte reazioni degli editori musicali

SIAE: un articolo di "Repubblica", le pronte reazioni degli editori musicali

Un articolo pubblicato ieri da "Repubblica" con questo titolo: "Metà Pd vuole limitare il monopolio Siae. E le major sono d'accordo" (lo si può leggere qui) ha suscitato l'immediata reazione degli editori musicali, che hanno scritto all'autore del pezzo per puntualizzare e precisare.
Qui di seguito riportiamo le email inviate da Claudio Buja, Presidente di Universal Music Publishing Ricordi e Presidente di EMusa (Editori Musicali Italiani Associati), e Roberto Razzini, Amministratore Delegato di Warner Chappell Music e Presidente di F.E.M. (Federazione Editori Musicali).

Buongiorno dr. Santelli,
Ho letto il suo articolo e il suo commento alle dichiarazioni di Enzo Mazza. Non vorrei dilungarmi sulle differenze fra aziende discografiche e attività editoriali, che immagino le siano abbastanza chiare. Voglio solo precisare che, in qualità di presidente di Universal Music Publishing Ricordi e di Presidente di EMusa (Editori Musicali Italiani Associati) ritengo le affermazioni di Mazza come la pura espressione di un parere personale, parere che non è mai stato discusso e che di conseguenza non trova riscontro nell'azienda che rappresento né tantomeno nell'associazione che presiedo.
Scrivere quindi che "le major sono d'accordo" a limitare il monopolio della SIAE significa semplicemente travisare i fatti.
Le sarei grato se volesse pubblicare questa mia precisazione.
Distinti saluti,
Claudio Buja

 


Egr. Dott. Santelli,
ho letto il Suo articolo apparso oggi su LaRepubblica.it e relativo a SIAE.
Vorrei precisare come la posizione di Enzo Mazza, Presidente di FIMI, sia una posizione non condivisa con la Società che rappresento, né tantomeno con la Federazione che presiedo.
Mi permetto quindi di segnalare come il suo assunto, che descrive le Major in accordo con una linea contro il monopolio di SIAE, sia privo di ogni reale fondatezza.
Conseguentemente ritengo priva di ogni fondatezza anche la Sua conclusione che "...tra i big della musica sta crescendo l'irritazione per il pantano giuridico in cui è affondato il mercato dei diritti".
Mi creda se Le dico che l'irritazione dei big della musica è piuttosto generata dalla crescente disinformazione sull'argomento, considerato che, sia formalmente che sostanzialmente, non siamo difronte a nessun "pantano giuridico" reale.
La gestione del Diritto d'Autore è cosa molto importante e seria, assunto come questo sia l'unica fonte di remunerazione per Autori ed Editori.
Mi auguro che Lei possa aiutarci a fare chiarezza sul tema ed evitare che il processo di disinformazione su questo delicato argomento continui a crescere, alimentando incomprensioni, malversazioni e prevaricazioni verso coloro i quali stanno a monte del processo creativo di tutta l'industria musicale e culturale italiana.
Resto a Sua disposizione per un possibile confronto sul tema.
Con viva cordialità,
Roberto Razzini


A margine, va segnalato che l'articolo cui si riferiscono i due editori si chiude con questo paragrafo:
"anche tra i big della musica sta crescendo l'irritazione per il pantano giuridico in cui è affondato il mercato dei diritti. Anche se, pure nel loro caso, vanno divise due anime: quella dei publisher, che stampano e vendono i dischi versando agli autori i relativi diritti, e quella dei produttori, che operano nella creazione delle opere e quindi quei diritti li ricevono. Questi ultimi sono iscritti a Siae, di cui di fatto costituiscono il nocciolo duro",
che tradisce la scarsa familiarità dell'autore con l'argomento che sta trattando.
Qui invece la lettera a "La Stampa" di Enzo Mazza, CEO della FIMI, citata nell'articolo di "Repubblica".

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.