Spotify, causa da 365 milioni di dollari per licenze e diritti non pagati

Spotify, causa da 365 milioni di dollari per licenze e diritti non pagati

Nuovo grattacapo per la piattaforma di streaming, nella strada verso la quotazione in borsa: dopo la polemica sugli artisti "falsi" inseriti in posizioni di prestigio nelle playlist, è in arrivo una causa multimilionaria per diritti non pagati.

A intentare la causa sono due editori di Nashville: Bluewater Music Services e Bob Gaudio. I primi controlloano un vasto catalogo, legato soprattutto alla musica country, mente Gaudio è l'autore di Frankie Valli and the Four Seasons. Entrambi sono rappresentati da  Richard S. Busch dello studio King & Ballow di Nashville.

 Per capire l'entità della causa basti pensare che  "December, 1963 (Oh What a Night)" di Valli è a quota 58 milioni di stream e che i diritti contestati riguardano un catalogo di circa 2500 brani, per cui Spotify non avrebbe pagato le licenze e i diritti meccanici di riproduzione. Secondo le cifre condivise dallo studio legale, il totale della causa ammonterebbe a 365 milioni di dollari: 150.000 dollari per brano non pagato.

Non è la prima volta che Spotify riceve contestazioni di questo tipo. Già nel 2015 Il frontman dei Camper Van Beethoven David Lowery aveva depositato presso il tribunale di Los Angeles una class action nei confronti di Spotify richiedendo la cifra record di 150 milioni di dollari per il mancato versamento di diritti d'autore ai legittimi titolari. Era partiata anche una class action da parte di autori indipendenti con richieste superiori ai 40 milioni, poi risolta con un accordo da 30 milioni di dollari.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.