Prophets of Rage: ecco la nuova “Living on the 110” - ASCOLTA

Prophets of Rage: ecco la nuova “Living on the 110” - ASCOLTA

Il supergruppo dei Prophets Of Rage ha appena condiviso un nuovo brano intitolato “Living on the 110”, che tocca il tema della povertà negli USA.

La band che vede in line-up Tom Morello, Brad Wilk, Tim Commerford dei Rage Against the Machine, Chuck D dei Public Enemy, B-Real dei Cypress Hill e Dj Lord affronta un argomento spinoso, che tocca una buona fetta della popolazione statunitense.

Caricamento video in corso Link

Tom Morello ha spiegato ,a proposito del pezzo:

La 110 è una freeway di Los Angeles e sotto ai suoi cavalcavia vivono migliaia di senzatetto. Passano Bentley e Rolls Royce, che ruggiscono letteralmente passando sopra a quella povera gente che abita in scatole di cartone, un'analogia perfetta dell'iniquità economica che affligge i nostri tempi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.