Festival Gaber: al via da Camaiore la quattordicesima edizione

Festival Gaber: al via da Camaiore la quattordicesima edizione

Parte venerdì 7 luglio da Camaiore, la quattordicesima edizione del Festival Gaber, che si concluderà il 1 agosto a Montecatini Terme, passando per otto comuni della Toscana con 27 appuntamenti. Sarà 'Le strade di notte', l’evento popolare ideato e diretto da Gian Piero Alloisio, a inaugurare il lungo festival, in Piazza San Bernardino da Siena.

Quest’anno la Compagnia de Le strade di notte reinterpreterà i testi e le canzoni tratti dallo spettacolo Il Signor G (1970), che ha segnato la nascita del teatro – canzone ed è una delle rappresentazioni più amate degli autori Gaber – Luporini.

Per oltre tre ore la compagnia musicale, teatrale e spettacolare animerà le vie del centro storico di Camaiore interpretando quel Teatro-Canzone che Giorgio Gaber e Sandro Luporini, per molte estati, hanno scritto a Montemagno, la collinetta sopra Camaiore.

Il pubblico partecipante sarà suddiviso e organizzato in gruppi di circa 50 spettatori; ognuna delle tredici scene più una itinerante avrà la durata di circa cinque minuti; gli artisti replicheranno la loro scena a ogni arrivo del gruppo successivo di spettatori. Gian Piero Alloisio dirigerà l'intera serata, che si presenta come una sorta di notte bianca "gaberiana".

Di seguito le 13 stazioni più una itinerante:

PROLOGO IN PIAZZA SAN BERNARDINO

La Filarmonica Puccini, banda musicale di Camaiore fondata nel 1846 e diretta da Francesco Mauro, accoglierà gli spettatori in Piazza XXIX Maggio e li accompagnerà suonando fino al palco centrale in Piazza San Bernardino, dove il Gran Cerimoniere consegnerà le bandiere alle tredici guide. Dopo il saluto del Sindaco Alessandro Del Dotto, Gian Piero Alloisio formerà i gruppi di spettatori e li affiderà alle guide.

Giardino Interno di Via IV Novembre

In questa inedita versione de “Il Signor G”, Monica Menchi ci propone “Lui”, un monologo teatrale dedicato al potere nascosto che governa le nostre vite e a quelle figure, a noi ben note, che lo rappresentano.

Scuderie Borbone – L’AMICO (canzone)

Gian Piero Alloisio, amico e collaboratore del Signor G, è l’ideatore e il regista de “Le strade di notte”. Con Claudio De Mattei, bassista della band Gaber e con il batterista Claudio Andolfi, propone una versione rock-blues de “L’amico”.

Giardino Murato di San Francesco – IL SIGNOR G E L’AMORE (canzone)

Michela Lombardi accompagnata al piano da Piero Frassi presenta una versione molto particolare de “Il Signor G e l’amore”.

Angolo Contrada La Rocca – LE NOCI DI COCCO (dialogo)

Jacopo Gori, artista di strada noto al pubblico de “Le strade di notte” per le sue grandi bolle di sapone, le sue marionette e il suo teatro dei burattini. Quest’anno propone “Le noci di cocco”, una scenetta divertente in cui Gaber e Luporini ci spiegano in breve la nascita dello Stato.

Il Teatro dell'Olivo – I BORGHESI (canzone)

Manuela Bollani con il pianista Gabriele Landucci presenta “I borghesi”, una delle canzoni più famose e significative de “Il Signor G.”

Cortile Interno di via XX Settembre – L’ORGIA (monologo) e IL TIC (canzone)

Simone Pucci recita due brani. Il primo racconta, con toni assai civili, un’orgia borghese. Il secondo è una “canzone recitata” di Walter Valdi, dedicata al lavoro in fabbrica, che Gaber aveva inserito nei suoi primi spettacoli in teatro.

Via Vittorio Emanuele 176 – COM’E’ BELLA LA CITTA’ (canzone)

Giacomo Occhi in “Le strade di notte” presenta “Com’è bella la città”.

Atrio del Museo Tori Massoni – LE STRADE DI NOTTE (canzone)

La cantautrice Giua interpreta la canzone di Giorgio Gaber che, da cinque anni, dà il titolo alla manifestazione: “Le strade di notte”.

Via Vittorio Emanuele, Retro della Chiesa Collegiata – CHE BELLA GENTE (canzone)

Il gruppo di Imola “L’intenzione del volo” affrontano il brano, un “recitato-cantato” scritto da Jacques Brel e tradotto da Herbert Pagani.

Piazza San Bernardino – BAMBINI G (video) con Giorgio Gaber

“Io mi chiamo G” è un dialogo reso famoso da Giorgio Gaber insieme a Mina. Tutti ne conosciamo la versione più nota. In realtà ne esistono ben sette versioni, scritte da Gaber-Luporini per una trasmissione televisiva. Nel corso della serata verranno proiettate due versioni, interpretate dallo stesso Gaber.

Scaletta di Via delle Muretta – PREGHIERA / IO ACCUSO (monologhi)

Rita Testa si cimenta con due brevi monologhi molto diversi fra di loro: “Preghiera” e “Io accuso”.

Ballatoio  centrale di Via delle Muretta – SUONA CHITARRA (canzone)

Federico Sirianni propone “Suona chitarra”.

Arco di Via Vittorio Emanuele 8 – ORA CHE NON SON PIU’ INNAMORATO (brano strumentale)

Per diciotto anni Gianni Martini ha accompagnato Giorgio Gaber sui palcoscenici dei teatri italiani. Presente a tutte le edizioni del Festival in Versilia, quest’anno propone una versione strumentale della canzone “Ora che non son più innamorato”. Accanto a lui, la performer Giulia Dal Bon.

Stazione Itinerante (fra Via Vittorio Emanuele 43 e 89, Piazza Diaz e Piazza XXIX Maggio)

EPILOGO IN PIAZZA SAN BERNARDINO. NON INSEGNATE AI BAMBINI

“Keos Dance Project” porta il suo omaggio al Signor G. interpretando una tra le sue canzoni più potenti e toccanti nell’esecuzione live di Gian Piero Alloisio e Gianni Martini. Alla fine, la Compagnia tutta salirà sul palco per i saluti. 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.