Squali, spie, tagli e previsioni di mercato: l''outing' di Lack (Sony BMG)

Squali, spie, tagli e previsioni di mercato: l''outing' di Lack (Sony BMG)
“L’eccesso di marketing e l’eccesso di promozione sono una maledizione, per le industrie che vendono contenuti”: lo ha detto il comandante in capo di Sony BMG, Andrew Lack, in un’intervista rilasciata nei giorni scorsi al britannico Financial Times, spiegando che è sua intenzione dimezzare al più presto il personale in “esubero” impiegato nei due settori, oltre che negli uffici legali, amministrativi e finanziari, per tener fede al progetto di far risparmiare 350 milioni di dollari all’anno alla mega major (i tagli dovrebbero interessare circa 2000 addetti, più o meno un quarto della forza lavoro). Completata la radicale ristrutturazione, ha spiegato Lack, Sony BMG sarà pronta a raddoppiare gli investimenti nella ricerca e sviluppo di artisti, anche nuovi e sconosciuti. E a spingere al massimo delle forze i 20 gruppi o solisti più popolari su ogni mercato in cui è presente: “Una cosa”, sostiene Lack, “che non credo la Sony abbia fatto finora con la stessa disciplina e trasparenza dei nostri nuovi amici di Bertelsmann”.
L’articolo del Financial Times si sofferma anche sugli aspetti più folcloristici della personalità dell’ex dirigente della rete televisiva NBC, rivelando ad esempio che la sala riunioni adiacente al suo ufficio è dominata da due quadri: uno riproduce un enorme squalo a bocca aperta con un bigliettone da un dollaro che gli penzola tra le fauci; l’altro rievoca una scena della seconda guerra mondiale, invitando i presenti a far attenzione alle spie annidate in ogni dove. Nel suo “outing” senza tanti peli sulla lingua, Lack dice la sua su tutti i principali temi caldi del settore: dichiarandosi sicuro, per esempio, che il “merger” verrà definitivamente approvato a dispetto dei ricorsi in tribunale presentati dall’associazione indipendente Impala (vedi News), dicendosi fiducioso di poter strappare alla Universal il ruolo di azienda leader del mercato e assicurando che Sony e BMG resteranno in equilibrio anche in futuro, senza che nessuna delle due società costituenti prevarichi l’altra. Il ceo di Sony BMG mostra invece meno entusiasmo di certi suoi colleghi nei confronti della musica digitale (“sono vendite sostitutive più che incrementali, soprattutto per quanto riguarda il back catalog e i materiali di archivio; e non ho ancora visto nascere un modello di business per cui gli investitori siano disposti a fare la fila, o che io stesso mi sentirei di propagandare per strada”), e manifesta una certa cautela anche sulle previsioni di ripresa rapida del mercato discografico. “Avremo i nostri sbandamenti e i nostri colpi a vuoto”, pronostica Lack, che chiede altri due anni di tempo prima di cominciare a tirare le somme. “Se per il 2007 non si saranno visti miglioramenti sostanziali”, dice il manager americano al suo interlocutore, “io non sarò più qui a farmi intervistare da lei”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.