NEWS   |   Italia / 01/07/2017

Dark Polo Gang - la recensione di "Twins"

Dark Polo Gang - la recensione di "Twins"

La Dark Polo Gang pubblica "Twins", primo album ufficiale - o, almeno, il primo ad uscire nei negozi in formato fisico dopo "Full metal dark" del 2015, pubblicato solamente in free download su internet. Il disco è stato prodotto da Sick Luke e tra gli ospiti c'è anche Gué Pequeno. L'impressione è che i cinque ragazzi si vogliano prendere in giro per prendere in giro tutti gli altri rapper, quelli duri e puri, che più volte hanno criticato aspramente la Dark Polo Gang. E lo fanno così...

Permetteteci di dire che quello della Dark Polo Gang ci sembra un atteggiamento un po' punk, ribelle e beffardo: se ne fregano di tutto ("Piscio sopra gli haters", rappano in "Sportswear"). E lo fanno con il genere, la trap, che i rapper 2.0 considerano come un'evoluzione del rap: in sostanza, questo genere (che in America è esploso una ventina di anni fa e che nel nostro paese è arrivato molto tardi) mischia la struttura ritmica dei pezzi rapa sonorità più elettroniche. Le basi sono tutte di Sick Luke, che insieme a Charlie Charles è il producer di riferimento dei trapper (ha collaborato con IZI e Tedua, ma ha prodotto anche Gué Pequeno - che compare tra gli ospiti del disco e che ha voluto Tony Effe nel suo nuovo album, "Gentleman" - e Emis Killa).

 

Leggi la recensione completa di "TWINS" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti
Testi