Live Nation, il comunicato stampa dopo le parole della procura di Milano sul secondary ticketing

Live Nation, il comunicato stampa dopo le parole della procura di Milano sul secondary ticketing

Riceviamo e pubblichiamo da Live Nation quanto segue.

In riferimento alla notizia pubblicata, in data odierna, da alcuni organi di informazione, relativa all'avviso di conclusione delle indagini in merito all’inchiesta sui “biglietti dei concerti e mercato secondario”, Live Nation Italia intende dichiarare quanto segue:

 

  • Live Nation Italia prende atto del ridimensionamento dell’accusa in seguito all’abbandono dell’ipotesi di “associazione a delinquere” in precedenza delineata.

 

  • Nei prossimi mesi, si aprirà la fase processuale vera e propria, con l’obiettivo di verificare la fondatezza giuridica delle ipotesi di reato.

 

  • La società è certa di poter dimostrare l’inconsistenza degli illeciti ipotizzati dalla pubblica accusa.

 

  • Live Nation Italia ripone – come ha sempre fatto – piena fiducia nell’operato della Magistratura.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.