Glastonbury 2017: Liam Gallagher suona gli Oasis, Katy Perry fa stage diving e i The National presentano nuove canzoni - VIDEO

Glastonbury 2017: Liam Gallagher suona gli Oasis, Katy Perry fa stage diving e i The National presentano nuove canzoni - VIDEO

A Glastonbury 2017 non poteva mancare un omaggio alle vittime dei recenti attentati di Manchester e Londra e a quelle dell'incendio alla Grenfell Tower. L'omaggio è arrivato alla fine del concerto di Liam Gallagher sul palco del festival ospitato dal villaggio di Pilton, nel Somerset dell'Inghilterra: il più piccolo dei fratelli Gallagher si è esibito nel pomeriggio di ieri, sabato 24 giugno, sul palco dell'Other Stage e ha proposto non solo brani tratti dal suo repertorio solista (tra questi il singolo "Wall of glass", che anticipa l'album "As you were" in uscita ad ottobre), ma anche pezzi del repertorio degli Oasis - il video integrale del concerto è disponibile sul sito della BBC, a questo link. Ovviamente, ha suonato anche "Don't look back in anger", la canzone diventata il simbolo della rinascita di Manchester dopo l'attentato dello scorso 22 maggio alla Manchester Arena, in cui hanno perso la vita 22 persone. Gallagher ha chiuso il concerto proprio sulle note della canzone portata al successo dagli Oasis nel 1995, ricordando le vittime di Manchester e Londra.

Mentre Liam Gallagher suonava sul palco dell'Other Stage, qualche metro più in là, sul palco principale del festival, il Pyramid Stage, si esibiva Katy Perry. La popstar californiana, che ha da poco pubblicato il nuovo album "Witness" (qui la nostra recensione), ha proposto dal vivo sia hit del passato come "Teenage dream", "Firework" e "I kissed a girl", sia canzoni tratte dall'ultimo disco come "Swish swish" e "Chained to the rhythm" - qui il video integrale del concerto. Si è molto chiacchierato, sui social, del vestito indossato da Katy Perry per l'esibizione a Glastonbury: una tuta trasparente con un occhio a coprire il seno. Ad un certo punto, la popstar si è lasciata prendere dall'entusiasmo e si è gettata tra la folla facendo stage diving, sulle note di "Roar".

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/GgOhB3KkElSkhAlaDFSwoI-becQ=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fcdn.images.dailystar.co.uk%2Fdynamic%2F25%2Fphotos%2F530000%2FKaty-Perry-at-Glastonbury-988530.jpg
https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/YPQKEFJ3neHwB8zlwNeEuAE7BdU=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fcdn.images.dailystar.co.uk%2Fdynamic%2F25%2Fphotos%2F529000%2FKaty-Perry-at-Glastonbury-988529.jpg
Subito dopo Katy Perry, e appena prima dei Foo Fighters, sul Pyramid Stage hanno suonato i The National. La band guidata da Matt Berninger si è esibita tra le 19.45 e le 20.45 e sul palco di Glastonbury ha presentato dal vivo diversi brani tratti dal suo prossimo album, "Sleep well beast", in parte già suonato a Parigi, in uscita il prossimo settembre: da "The system only dreams in total darkness" a "Walk it back", passando per "Guilty party" e "Day I die". Anche il set dei The National è disponibile sul sito ufficiale della BBC, a questo link.

Scheda artista Tour&Concerti Testi
15 feb
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.