Soundreef, il comunicato stampa dopo le dichiarazioni di Fedez sulla moglie del Ministro Franceschini

Soundreef, il comunicato stampa dopo le dichiarazioni di Fedez sulla moglie del Ministro Franceschini

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato diffuso da Soundreef circa le dichiarazioni rilasciate da Fedez nella giornata di ieri, giovedì 22 giugno, alla conferenza "Compose the future" presso la Luiss Enlabs:

Lasciamo che i Tribunali si occupino di cose serie e che, almeno le idee e le opinioni restino libere di circolare e confrontarsi. Non è nostra intenzione alimentare una polemica che rischia di essere strumentalizzata da più parti e di degenerare in una discussione in cui le singole parole e i dettagli prendono il sopravvento sulle cose serie. Soundreef, società che si occupa della gestione e raccolta dei diritti d’autore, interviene dopo la minaccia di querela del ministro ario Franceschini a Fedez che aveva denunciato un suo conflitto d’interessi con la SIAE.

Troviamo, naturalmente, anche noi singolare che la moglie di un Ministro dei beni e delle attività culturali lavori proprio per un Gruppo che, oltre a occuparsi in maniera importante di cultura, gestisce la gran parte del patrimonio immobiliare della SIAE che vale centinaia di milioni di euro. Forse, anziché chiedersi se Fedez abbia sbagliato nell’usare questa o quella espressione, bisognerebbe chiedersi come sia possibile che una società che rivendica in ogni sede il fatto di essere un ente senza scopo di lucro che agisce esclusivamente nell’interesse degli autori abbia accumulato una simile ricchezza, se tale patrimonio immobiliare è gestito in modo profittevole e se gli utili - ammesso che vi siano - sono ripartiti equamente tra gli autori e, soprattutto, chi ne beneficerà un giorno.

Nonostante questa vicenda sia nota da mesi, non è mai stata nostra intenzione strumentalizzare e inquinare un dibattito che, per quanto ci riguarda, è assai più importante di quello che sta monopolizzando l’attenzione di giornali e social ormai da ore: un autore, in Italia, nel 2017 è libero o non è libero di decidere a chi affidare l’amministrazione dei suoi diritti e, dunque, la sua arte, la sua carriera e il suo futuro?

E siamo contenti che l’Autorità Garante della Concorrenza e del mercato abbia di recente avviato un’istruttoria proprio allo scopo di accertare se quello dei diritti d’autore, anche in Italia, debba essere un mercato libero e aperto o se, al contrario, sia lecito perpetuarne il regime di monopolio che lo contraddistingue, unico in Europa, da circa due secoli. E’ di questo che ci piacerebbe si continuasse a discutere ma certo davanti a un Ministro della cultura che minaccia azioni giudiziarie nei confronti di un artista che ha affidato alla nostra società la gestione dei suoi diritti e alla Società italiana autori ed editori, che si ripropone addirittura di “agire con la massima durezza consentita dall’ordinamento giuridico” contro un autore, avvertiamo almeno la necessità di precisare che Fedez ha raccontato – probabilmente peccando eccesso di sintesi – un fatto vero e inoppugnabile: la moglie del Ministro dei beni e delle attività culturali, infatti – ed è niente di meno su questo che dovrebbero essere costruite le due azioni legali che si ripromettono di far giustizia – NON “gestisce” il patrimonio immobiliare della SIAE ma lavora per un Gruppo che gestisce tale patrimonio. Ci sembra davvero la pagliuzza negli occhi del vicino indicata fingendo di non vedere la trave nei propri.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.