Luis Bacalov, gli inizi come arrangiatore pop (1 / 19)

Luis Bacalov, gli inizi come arrangiatore pop

Argentino di nascita, pianista concertista, in Italia dal 1959, Luis Bacalov (30/8/1933 - 15/11/2017) iniziò a lavorare nell’industria musicale come arrangiatore, prima per la Fonit Cetra poi per la RCA, e avvia un lungo sodalizio con Sergio Endrigo.

Lascia la musica leggera a metà degli anni Settanta, dopo aver arrangiato album importanti come “Concerto grosso per i New Trolls” (1971), “Milano Calibro 9” per gli Osanna (1972), “Contaminazione” per Il Rovescio della Medaglia (1973), “Sabato pomeriggio” per Claudio Baglioni (1975), “Che vuoi che sia... se t'ho aspettato tanto” per Mia Martini (1976) e da allora si dedica esclusivamente alle colonne sonore. Qui, per ricordarlo, vogliamo presentarvi alcune delle canzoni più famose di cui ha curato gli arrangiamenti negli anni Sessanta.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.