UE, con una sentenza più responsabilità agli intermediari Web in caso di contenuti illegali caricati dagli utenti

La corte di giustizia dell'Unione Europea, con una sentenza, ha assegnato maggiori responsabilità agli intermediari - che siano motori di ricerca come Google o piattaforma social o media sharing come Facebook o Youtube - in caso di prodotti illegali caricati dagli utenti. La pronuncia di riferisce a Pirate Bay, la piattaforma di torrent svedese già dichiarata illegale in diverse sedi, ma a rivoluzionare il concetto di responsabilità, questa volta, è una delle motivazioni della sentenza: in sostanza, riconoscendo che un utente privato attivo su una piattaforma faccia "comunicazione al pubblico", in caso di upload di qualsiasi opera di ingegno - canzoni, video, software - sarà indispensabile avere l'autorizzazione da parte dei titolari dei diritti sull'opera stessa. E l'intermediario che ospiterà questa comunicazione non potrà esimersi dall'assumersi le proprie responsabilità, in caso di rilanci di contenuti che violino i diritti d'autore: "La decisione della Corte di Giustizia è molto importante in quanto chiarisce molti elementi che portano le piattaforme online ad essere responsabili per il caricamento di contenuti da parte degli utenti", ha commentato il presidente di FIMI Enzo Mazza, "La decisione è anche significativa per quanto riguarda la problematica del value gap e del ruolo di piattafome di video sharing come Youtube. Le posizioni dei giudici di Lussemburgo seguono in modo lineare il ragionamento già seguito a suo tempo dalla Cassazione italiana nel caso attivato da Fimi contro Pirate Bay. Ora questa decisione sarà fondamentale anche nel dibattito al Parlamento EU sulla proposta di direttiva copyright".

 

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.