Taylor Swift, il ritorno su Spotify non è un "sabotaggio" a Katy Perry

Taylor Swift, il ritorno su Spotify non è un "sabotaggio" a Katy Perry

E' di ieri la notizia del ritorno del catalogo di Taylor Swift sulle piattaforme digitali, ritirato ai tempi "1989", sul finire del 2014. La cantante aveva firmato un'esclusiva con Apple Music, ma boicottato i vari Spotify, Tidal, Amazon, Pandora e altre piattaforme digitali.

I maligni, come facevamo notare ieri, avevano notato che il ritorno coincide con quello di Katy Perry, che ieri ha pubblicato il suo nuovo album "Witness". La lite tra le due star è di lunga data, e la stessa Perry l'ha citata più volte negli ultimi giorni, forse per attirare l'attenzione in concomitanza alla promozione del disco. 

Billboard, bibbia del music biz, ha fatto una piccola ma succulenta indagine sulla vicenda, e scrive che le trattative tra Big Machine, l'etichetta di Swift, le piattaforme digitali vanno avanti dal 2014. La posizione della cantante era dovuta anche all'impossibilità di tenere fuori il suo catalogo dagli abbonamenti gratuiti di Spotify, cosa che ora dovrebbe essere possibile con il nuovo accordo tra la piattaforma svedese e Universal (che gestisce Big Machine a livello mondiale).

La motivazione del ritorno, quindi, non sarebbe un sabotaggio dell'uscita del disco della rivale, ma una semplice coincidenza, innescata dal fatto, che già riportavamo ieri, che le copie vendute da Taylor Swift ad oggi di tutti i suoi dischi hanno superato la cifra di 100 milioni. Sarebbe stata questa la scintilla del ritorno della Swift in streaming, scrive Billboard

 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.