Bollino SIAE sui dischi, botta e risposta tra Enzo Mazza (FIMI) e Gaetano Blandini

Bollino SIAE sui dischi, botta e risposta tra Enzo Mazza (FIMI) e Gaetano Blandini

Il presidente della Federazione Industria Musicale Italiana Enzo Mazza si è espresso in modo piuttosto critico nei confronti del "bollino SIAE", il contrassegno che la Società Italiana Autori ed Editori applica per legge a tutti i supporti discografici fisici venduti nel nostro Paese: definito dal numero uno di FIMI "anacronistico" - in un commento affidato all'agenzia AGI - il bollino avrebbe, secondo Mazza, "da tempo esaurito la propria funzione, essendo il mercato passato al digitale, ma soprattutto perché la contraffazione di CD si è man mano ridotta ai minimi termini". "Oggi i prodotti musicali in streaming o in download, oltre il 50% del mercato, non recano per evidenti ragioni il contrassegno", prosegue Mazza, "Mentre allo stesso tempo i CD ed i vinili con gli stessi contenuti che arrivano tramite e-commerce da paesi esterni ne sono per lo più sprovvisti. L'effetto dell'improvvida decisione della Commissione Bilancio [che così facendo avrebbe perso "l'occasione per dimostrare come burocrazia, incompetenza e spesso anche malafede colpiscano senza pietà le imprese"] sarà di mantenere un onere inutile e gravoso solo per le imprese che hanno stabile organizzazione in Italia, che investono sul repertorio italiano e che producono musica per i consumatori italiani anche su supporto fisico, l'unico gravato dal contrassegno".

"Le dichiarazioni del presidente della Fimi sono talmente confuse e incomprensibili, che forse non meriterebbero risposta", ha commentato il dg di SIAE Gaetano Blandini: "Sono certo che quando parla di 'burocrazia, incompetenza e malafede' non si riferisca a Siae e voglio sperare non si riferisca alle istituzioni parlamentari. Come dovrebbe sapere SIAE non impone nulla a nessuno; è sempre stata 'neutrale' rispetto al cosiddetto bollino e applica meramente la legge, recuperando solo e soltanto le spese sostenute".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.